EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Migranti: oltre 47 mila giunti in Europa dall'inizio dell'anno

Migranti: oltre 47 mila giunti in Europa dall'inizio dell'anno
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Niente li può fermare neppure l’inverno. Questo nuovo esercito di miserabili continua implacabile a raggiungere l’Europa. Secondo l’Organizzazione

PUBBLICITÀ

Niente li può fermare neppure l’inverno.

Questo nuovo esercito di miserabili continua implacabile a raggiungere l’Europa. Secondo l’Organizzazione mondiale per le migrazioni dall’inizio dell’anno i migranti giunti in Grecia e in Italia sono oltre 37 mila. Per l’Alto commissariato dei rifugiati Onu sono addirittura 47 mila.

E dalla Grecia, passando la frontiera macedone, come in queste immagini, prendono la rotta balcanica per raggiungere il nord Europa.

Malgrado le pessime condizioni del mare, in molti continuano a imbarcarsi in canotti di fortuna per raggiungere le coste europee.
Risale a stamani l’ultimo naufragio di un gommone, partito dalla Libia, con un bilancio provvisorio di sei morti.

Should migrants and refugees be ferried back to Turkey? Do you agree with ajboekestijn</a>? <a href="https://t.co/omhiAloUYh">https://t.co/omhiAloUYh</a> <a href="https://t.co/F37gAb8i8m">pic.twitter.com/F37gAb8i8m</a></p>&mdash; World Have Your Say (BBC_WHYS) 28 Gennaio 2016

Nel 2015 l’arrivo eccezionale di oltre un milione di profughi, ha fatto scattare l’allarme in Europa.

Number of migrants heading to Europe “unlikely to fall this year” https://t.co/CAN2NcO6G2pic.twitter.com/JyjQYXqVCG

— Bloomberg Business (@business) 28 Gennaio 2016

A settembre, con una riunione straordinaria dei ministri dell’Interno europei, si era varato un piano di ricollocamento di 160 mila rifugiati così da alleggerire i Paesi in prima linea, come Italia e Grecia.
Dichiarazioni d’intenti.
Alle parole non sono seguiti i fatti e il ricollocamento dei richiedenti asilo procede con estrema lentezza, senza alleviare situazioni di estremo stress, come quella dell’isola di Lampedusa

http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/09/23/news/profughi-nel-2015-in-italia-121mila-arrivi-ma-solo-in-25mila-hanno-chiesto-asilo-1.230955

Il Regno Unito, aveva in un primo momento respinto il piano della Commissione, per poi fare un passo indietro e promettere di accogliere nei prossimi 5 anni 20 mila rifugiati.
Londra si è mostrata particolarmente sensibile alle richieste dell’Ong Save the children, che chiede di accogliere almeno 3 mila bambini.

European Union 'to allow David Cameron' to deny migrants benefits https://t.co/9QZnO1OtCU

— The Independent (@Independent) 28 Gennaio 2016

La risposta di altri Paesi, soprattutto dell’Est Europa, come l’Ungheria, è stata molto più dura: Budapest non solo non si è impegnata a accogliere anche in un futuro prossimo rifugiati, ma ha innalzato un muro di 175 chilometri alla frontiera con la Serbia.

Non è la sola: l’emergenza migranti ha fatto innalzare oltre 200 chilometri di barriera in Europa. La Bulgaria ha innalzato i suoi 30 metri di filo spinato al confine con la Turchia. Mentre la Spagna rinforzato la barriera di 18 chilometri per contenere gli arrivi nelle enclavi di Ceuta e Melilla, e la Grecia che ha innalzato un muro al confine con la Turchia in prossimità del fiume Evros.

Di fronte a un flusso migratorio senza precedenti, la Svezia ha deciso di rimpatriare fino a 80 mila persone, che non abbiano diritto all’asilo. Stesso provvedimento è stato annunciato dalla Norvegia, che rimpatrierà i migranti provenienti da paesi sicuri senza esaminare la domanda d’asilo.

Sweden intends to kick out up to 80,000 migrants who arrived last year https://t.co/nAcchweY1t

— Daily Mail Online (@MailOnline) 28 Gennaio 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

J.D. Vance, la scelta di Trump per la vicepresidenza è un problema per l'Europa?

Estonia, la premier Kallas si dimette: guiderà la diplomazia dell'Unione europea

János Bóka: "L'Europa deve avere rapporti diplomatici con la Russia"