EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Fmi: rifugiati risorsa per economia europea ma accelerare integrazione

Fmi: rifugiati risorsa per economia europea ma accelerare integrazione
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

L’ondata di rifugiati in Europa avrà effetti positivi sull’economia complessiva nel medio-lungo termine, ma bisogna accelerare l’integrazione dei

PUBBLICITÀ

L’ondata di rifugiati in Europa avrà effetti positivi sull’economia complessiva nel medio-lungo termine, ma bisogna accelerare l’integrazione dei nuovi arrivati nel mercato del lavoro, applicando “deroghe temporanee, e limitate, al salario minimo”. Questa la raccomandazione del Fondo monetario internazionale che, al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, ha presentato il rapporto “The Refugee Surge in Europe: Economic Challenges” (L’aumento dei rifugiati in Europa: le sfide economiche).

Rapporto:
The Refugee Surge in Europe: Economic Challenges

A fronte di un incremento modesto del Pil delle tre principali destinazioni (Austria, Germania e Svezia) nel breve periodo, l’Fmi stima che effetti positivi globali dipenderanno dalle velocità di integrazione dei rifugiati. In cifre, da qui al 2017, l’impatto maggiore si avrà in Austria (+0,5%), seguita da Svezia (+0,4%) e Germania (+0,3%); il Pil Ue potrebbe crescere dello 0,25%.L’aumento dipenderà dall’espansione fiscale associata al sostegno fornito ai richiedenti asilo e dall’espansione dell’offerta di lavoro. Nel breve periodo, l’aumento della spesa pubblica in alloggi, istruzione, servizi sanitari e cibo forniti ai rifugiati “aumenteranno la domanda aggregata”.

L’istituzione di Washington si è detta favorevole a un aumento della spesa e una maggiore flessibilità di bilancio nei Paesi maggiormente coinvolti nell’emergenza profughi: secondo il capo economista, Maury Obtsfeld, è auspicabile “flessibilità di bilancio, caso per caso, nei Paesi che assorbono i rifugiati”. Negli ultimi mesi, scrive l’Fmi, l’ondata di profughi dalla Siria e altre zone di guerra ha avuto dimensioni da “catastrofe umanitaria”: secondo lo studio, nei primi dieci mesi del 2015 sono state presentate 995mila richieste d’asilo alle frontiere europee, oltre il doppio rispetto al 2014. ‘‘L’aumento dei rifugiati – ha affermato la direttrice dell’Fmi Christine Lagarde – è una sfida globale che deve essere affrontata con collaborazione globale’‘.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cipro è in grado di gestire il flusso dei richiedenti asilo?

Germania, Scholz: gestire meglio rimpatri, scuse a Varsavia per migranti afgani lasciati al confine

La Grecia respinge le accuse di brutalità contro i migranti, inclusi i presunti abbandoni in mare