Via libera dell'Onu al processo di pace in Siria, ma nessun accordo sul destino di Assad

Via libera dell'Onu al processo di pace in Siria, ma nessun accordo sul destino di Assad
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha approvato la risoluzione per il processo di pace in Siria, ma nel documento non si fa alcun riferimento a

PUBBLICITÀ

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu ha approvato la risoluzione per il processo di pace in Siria, ma nel documento non si fa alcun riferimento a Bashar al Assad, sul cui destino restano divergenze.
Il testo, adottato all’unanimità, dà il via libera ai negoziati di pace formali tra governo e opposizione. L’obiettivo è di far partire i colloqui all’inizio di gennaio e di stabilire entro sei mesi un governo di transizione credibile e inclusivo.

“Non credo che tutti coloro che sono sul campo dovrebbero essere invitati a partecipare ai colloqui – ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov – . Coloro che dovrebbero essere invitati sono solo i siriani che rappresentano l’opposizione, l’opposizione armata, ma patriottica. Coloro che non sono implicati in azioni terribili come quelle perpetrate dall’Isil o al-Nusra”.

“Ci sono ancora alcuni questioni che stiamo cercando di affrontare e una di queste è la percentuale dei raid russi contro l’opposizione e non contro Daesh – ha detto il segretario di Stato Usa John Kerry-. Se l’80 per cento sta colpendo l’opposizione, piuttosto che colpire Daesh, questa è una sfida che stiamo cercando di risolvere in modo da poter cooperare”.

L’inviato speciale Staffan de Mistura avvierà il negoziato tra i rappresentanti dell’opposizione e quelli del regime. La risoluzione sottolinea il legame tra il cessate il fuoco e il processo politico. L’Onu monitorerà la tregua.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Gaza: l'Unrwa cessa le attività nel nord della Striscia, rifiutato il piano di Netanyahu

Gaza: il Wfp annuncia sospensione aiuti alimentari nel nord della Striscia

Gaza: Israele mostra presunti tunnel sotto la sede delle Nazioni Unite