L'omaggio alle vittime davanti al ristorante Petit Cambodge a Parigi

L'omaggio alle vittime davanti al ristorante Petit Cambodge a Parigi
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L’omaggio alle vittime, la solidarietà con chi è rimasto ferito e con chi ha perso i propri cari: nel decimo arrondissement, davanti al Petit

PUBBLICITÀ

L’omaggio alle vittime, la solidarietà con chi è rimasto ferito e con chi ha perso i propri cari: nel decimo arrondissement, davanti al Petit Cambodge, uno dei ristoranti colpiti dagli assalitori si riuniscono i parigini. Per non cedere alla paura, ma mostrare che alla violenza si risponde con l’unità.

“Sono musulmano – dice un residente – non c’entro nulla con quanto fanno quelle persone. Non sono dei musulmani, questo è sicuro al 100%. Sono delle persone che pensano diversamente”.

“Veniamo con amici, ci raccogliamo qui e andremo anche al Bataclan”, afferma una parigina. “Qui sono morte 18 persone. Spero che faremo una grande manifestazione come quando c‘è stato l’attacco contro Charlie. Dobbiamo mostrare che siamo forti e anche nella comunicazione, perché è importante”.

Forte anche la solidarietà della popolazione con i feriti: in molti si sono precipitati a donare il sangue come all’ospedale Saint Louis.

Grégoire Lory, euronews: “I francesi e i parigini si raccolgono all’indomani degli attacchi che hanno colpito Parigi. Ognuno a modo suo ha mostrato la propria solidarietà. Alcuni depongono corone di fiori, altri vogliono semplicemente essere presenti tra la folla, altri donano il sangue, come al Saint Louis dove i parigini aspettano anche un’ora per poter donare il proprio sangue”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Europee, i conservatori francesi fanno campagna elettorale sull'immigrazione al confine italiano

Francia e Regno Unito festeggiano 120 anni di cooperazione: simbolici cambi della guardia congiunti

Art Paris 2024: riflettori puntati sulle gallerie d'arte francesi