EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Svezia: l'odio razziale è il movente del duplice omicidio nella scuola di Trollhättan

Svezia: l'odio razziale è il movente del duplice omicidio nella scuola di Trollhättan
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Incredulità e sgomento per il doppio omicidio compiuto giovedì in una scuola di Trollhättan, una cittadina di nemmeno cinquantamila abitanti nel sud

PUBBLICITÀ

Incredulità e sgomento per il doppio omicidio compiuto giovedì in una scuola di Trollhättan, una cittadina di nemmeno cinquantamila abitanti nel sud della Svezia.

Questo venerdì decine di persone hanno voluto rendere omaggio al professore e al ragazzo di diciassette anni uccisi dalla spada brandita dal ventunenne assassino.

L’omicida, che indossava una divisa nera e una sorta di maschera a metà fra Star Wars e un’elmetto della Wermacht, è stato a sua volta colpito a morte dalle forze dell’ordine.

Nell’appartamento del killer sono stati rinvenuti indizi importanti per le indagini, come ha spiegato Niclas Hallgren, a capo della polizia: “Ci sono tre fattori: il primo è che quanto trovato nell’appartamento dell’assassino indica come il motivo del crimine sia l’odio. Poi la maniera in cui l’uomo era vestito e come ha agito sulla scena del crimine. Infine il modo in cui le vittime sono state scelta a scuola”

Il diciassettenne ucciso era arrivato solo tre anni fa dalla Somalia. Anche il professore aveva origini straniere. Il folle gesto di un giovane, definito dagli inquirenti come simpatizzante dei movimenti di estrema destra, ha avuto come movente l’odio razziale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Svezia, sparatoria nei pressi dell'ambasciata di Israele: diversi arresti

Il dilemma dell'Ue: dalla dipendenza dai combustibili fossili a quella dai metalli

Svezia: un'inchiesta rivela, membri di gang criminali nella polizia, sedotti anche con il sesso