EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Sicilia: formalizzate a Palermo le accuse contro scafisti sospettati della morte di oltre 50 migranti. Con una sorpresa della procura

Sicilia: formalizzate a Palermo le accuse contro scafisti sospettati della morte di oltre 50 migranti. Con una sorpresa della procura
Diritti d'autore 
Di Alberto De Filippis
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Non c‘è più posto al cimitero, per i migranti morti arrivati a Palermo giovedì, recuperati da una nave della marina svedese e ora stipati in una

PUBBLICITÀ

Non c‘è più posto al cimitero, per i migranti morti arrivati a Palermo giovedì, recuperati da una nave della marina svedese e ora stipati in una cella frigorifera.

Formalizzate invece le accuse nei confronti degli scafisti.

Stavolta però gli investigatori stanno cercando di far passare una linea di accusa che faccia giurisprudenza, come spiega il procuratore di Palermo: “Le accuse sono favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e omicidio. Li accusiamo di omicidio perché hanno stipato i migranti in uno spazio alto un metro e mezzo e in quello spazio c’era anche il motore della nave”.

Finora gli scafisti si sono sempre difesi evitando l’accusa di omicidio. Se passasse la linea secondo cui rinchiudere decine di persone in uno spazio angusto equivale a puntar loro una pistola alla testa e sparare, sarebbe una rivoluzione copernicana nella lotta ai trafficanti di uomini.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Etna torna a eruttare: allerta arancione, problemi ai voli a causa della cenere

Stromboli, lava e nubi di cenere del vulcano sul mare. Vulcanologo Ingv "fuori dall'ordinario"

Lo spettacolo dell'eruzione dell'Etna