EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Passo indietro di Murdoch: l'impero 21st Century Fox ai figli James e Lachlan

Passo indietro di Murdoch: l'impero 21st Century Fox ai figli James e Lachlan
Diritti d'autore 
Di Diego Giuliani
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il magnate e fondatore australiano resterà presidente esecutivo. La società che controlla le attività in cinema e televisione è la più proficua della galassia Murdoch

PUBBLICITÀ

Papà Rupert depone lo scettro, ma il gioiello dell’impero Murdoch resta in famiglia. A 84 anni, il magnate e fondatore australiano ha annunciato che cederà il ruolo di amministratore delegato della 21st Century Fox al figlio James.

Insieme a lui, alla prova del fuoco in occasione dello scandalo intercettazioni
che portò alla chiusura del britannico “News of the World”, è stato promosso anche il fratello Lachlan.

Rupert Murdoch to hand Fox CEO title to son James http://t.co/BB0t0xerJd

— Reuters Top News (@Reuters) 12 Giugno 2015

“A tirare i fili resterà comunque Rupert Murdoch – è l’analisi dell’editorialista Jeffrey Goldfarb, di Reuters -. La promozione di James ad amministratore delegato e dell’altro figlio Lachlan, che è già co-presidente, a co-presidente esecutivo è un cambiamento limitato ma significativo”.

Promuovendo i figli in ruoli chiave della società che gestisce le attività del gruppo in ambito di cinema e televisione, papà Murdoch assicura così la successione del suo “Quarto potere”: un impero da oltre 100 quotidiani, che comprende anche i canali del bouquet Fox e il gigante della distribuzione Twentieth Century Fox.

Rupert resterà comunque presidente esecutivo proprio accanto al figlio Lachlan: erede designato alla successione che, dopo aver sbattuto la porta nel 2005, rientra ora dalla finestra grazie a una riabilitazione paterna che ha il gusto della riabilitazione.

Ampiamente attesa, la mossa lascia tuttavia aperti gli interrogativi sulle sorti dell’altra figlia Elizabeth: anche lei trasfuga, che nel 2000 ha preso le distanze dal gruppo, vendendogli le quote detenute in Shine, una società di produzione televisiva poi inglobata da Endemol.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, l'ex vicepresidente Pence: "Io contro l'isolazionismo, dobbiamo sostenere gli alleati"

Trump a processo, morto l'uomo che si è dato fuoco davanti al tribunale di New York

Harry, 'tu vuò fà l'americano': residenza statunitense per il duca di Sussex