ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Fifa. Congresso rovente oggi a Zurigo mentre fioccano gli arresti

euronews_icons_loading
Fifa. Congresso rovente oggi a Zurigo mentre fioccano gli arresti
Dimensioni di testo Aa Aa

È appena cominciata la bufera giudiziaria che si è abbattuta sul gotha del calcio mondiale. L’arresto di 15 tra i massimi responsabili della Fifa, tra cui l’ex-Vicepresidente Jack Warner, ha messo a nudo quella che gli inquirenti americani e svizzeri hanno definito “la Coppa del Mondo delle truffe”.

Un autentico sistema mafioso basato su tangenti, corruzione aggravata, frode, riciclaggio e associazione a delinquere. Sono questi i capi d’accusa formulati nei due tronconi dell’inchiesta.

Quella partita dal dipartimento di giustizia americano parla di tangenti per un valore complessivo di 150 milioni di dollari e punta il dito tra l’altro sulla gara d’appalto con cui la Nike, mai citata esplicitamente, si è aggiudicata la licenza per sponsorizzare il Brasile.

Ma a rovistare tra i panni sporchi della Federazione Internazionale di Calcio è anche la procura svizzera.

Andre Marty, portavoce dell’ufficio del Procuratore Generale: “L’indagine condotta dalle autorità statunitensi riguarda in sostanza le tangenti sui diritti tv e gli accordi commerciali gonfiati negli Stati Uniti e in America Latina” spiega. “Mentre l’inchiesta della Svizzera si concentra sul processo che ha portato a decidere dove si giocheranno le Coppe del Mondo 2018 e 2022” che si svolgeranno rispettivamente in Russia e Qatar.

Ieri è stata una vera e propria retata quella al “Baur au Lac” di Zurigo, l’hotel di lusso dove è in corso il Congresso annuale della Federazione che, secondo il comunicato ufficiale, si svolgerà regolarmente fino a venerdì, nonostante la richiesta di sospensione arrivata dallo stato maggiore della Uefa.

A chiedere esplicitamente le dimissioni del Presidente della Fifa Joseph Blatter, che dovrebbe essere rieletto per la quinta volta, è stato poi il capo della Federazioni Inglese Greg Dyke. Le indagini sono partite proprio su segnalazione della Fifa, si difende Blatter. Che non figura, per ora, tra gli indagati.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.