EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Partenariato orientale, summit dominato dalla crisi ucraina

Partenariato orientale, summit dominato dalla crisi ucraina
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

La crisi ucraina è destinata a condizionare l’esito della riunione di Riga sul partenariato tra Unione europea e i Paesi dell’Europa orientale

PUBBLICITÀ

La crisi ucraina è destinata a condizionare l’esito della riunione di Riga sul partenariato tra Unione europea e i Paesi dell’Europa orientale. Riunione che ha registrato anche un nulla di fatto dal vertice tra Angela Merkel, François Hollande e il primo ministro Tsipras sulla ristrutturazione del debito greco. Tutti cercano di rassicurare sulla vera natura del partenariato orientale.
“Voglio replicare a chi sostiene che il partenariato è diretto contro la Russia – dice il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk -. Non è così. Il partenariato orientale non è un concorso di bellezza tra Russia e Unione europea. Ma voglio essere franco: la bellezza conta”.

Nel summit si discute di programmi di investimento in favore delle economie dei Paesi orientali partner dell’Europa.

“Voglio sottolineare – dice il ministro degli esteri della Lettonia Edgars Rinkēvičs – che sia i membri dell’Unione che i Paesi partner sono liberi di sollevare problemi. E credo che naturalmente la situazione in Ucraina e l’applicazione degli accordi di Minsk faranno parte degli argomentii da trattare”.

Il presidente ucraino Poroshenko ha ribadito, a Riga, di avee le prove che soldati russi sono impegnati nel conflitto separatista.
Il documento finale dovrebbe contenere una dichiarazione sul conflitto ucraino e un appello alle parti per applicare gli accordi di Minsk. Alcuni partecipanti vorrebbero condannare l’annessione russa della Crimea ma due Paesi – Armenia e Bielorussia- sono contrari.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lotta all'inquinamento, resistenza in Irlanda allo stop all'uso della torba come combustibile

Georgia, la presidente non promulgherà la "legge sugli agenti stranieri": No a un ritorno al passato

"LEuropa sia più audace": Nicolas Schmit espone le priorità per i socialdemocratici