EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Francia, pienone di Sarko alle dipartimentali. Le Pen non vince, ma ha tanti voti

Francia, pienone di Sarko alle dipartimentali. Le Pen non vince, ma ha tanti voti
Diritti d'autore 
Di Alfredo Ranavolo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Sono i socialisti i veri sconfitti. Rischiano di trovarsi con meno della metà delle 61 province in cui governavano.

PUBBLICITÀ

Un risultato senza precedenti nella V repubblica. L’Ump potrebbe arrivare a conquistare più di 70 dei 94 dipartimenti francesi, per il rinnovo dei cui consigli si è tenuto domenica il secondo turno elettorale.

Non si è votato a Parigi e Lione, dove le elezioni dipartimentali coincidono con le municipali, e nei cinque dipartimenti d’Oltremare.

#departementales2015http://t.co/EsYlXrnfAkpic.twitter.com/UE2hqqhxze

— Nicolas Sarkozy (@NicolasSarkozy) 29 Marzo 2015

Un vero trionfo per l’ex presidente Nicolas Sarkozy, tornato al timone del partito, che però divide i meriti con tutta la squadra.

“Questa vittoria – ha affermato subito dopo le prime proiezioni – è innanzitutto il risultato della campagna condotta da mesi da parte di tutti i nostri candidati. Hanno dimostrato con la forza del loro impegno che le nostre idee possono attecchire ovunque, anche in dipartimenti che i socialisti governavano da decenni”.

Per contro una disfatta dei socialisti che, a conti ultimati, si potrebbero trovare con meno della metà dei 61 dipartimenti controllati fino a oggi. Simbolo della disfatta ampiamente annunciata, anche quello del presidente François Hollande cambia sponda.

Corrèze è stato tra i primi a essere assegnati dai media francesi all’Ump. Stesso destino per altri territori simbolo della sinistra: il dipartimento Nord, ai confini con il Belgio e Seine-Maritime. Si tingono di blu anche Doubs, Pyrénées-Atlantiques, Drôme e les Côtes-d’Armor. Magra consolazione la conquista della Lozère, nella Francia meridionale.

Battaglia all’ultimo voto per Val-de-Marne, uno degli unici due dipartimenti a guida comunista. L’altro, Allier, è stato già certamente perduto.

.jccambadelis</a> Le FN s&#39;implante sans triompher, l&#39;UMP/UDI gagne sans effet Sarkozy, le PS recule sans dévisser. <a href="https://twitter.com/hashtag/D%C3%A9partementales2015?src=hash">#Départementales2015</a></p>&mdash; Parti socialiste (partisocialiste) 29 Marzo 2015

Alcuni esponenti socialisti hanno teso a minimizzare la portata della sconfitta. Il premier Manuel Valls, comunque, la ha ammessa senza riserve, parlando di una sinistra al voto “in ordine sparso”.

Partono già gli appelli, a cominciare da quello del leader del Parti de Gauche, Jean-Luc Mélenchon, a una “nuova alleanza popolare” in vista delle Regionali.

Pour une nouvelle alliance populaire – http://t.co/iRFzLWeCBy – La vidéo et le texte de ma déclaration sont en ligne. À partager !

— Jean-Luc Mélenchon (@JLMelenchon) 29 Marzo 2015

Si ritrova senza la guida di alcun dipartimento, ma fa comunque il pieno di voti il Front National di Marine Le Pen. “Un risultato storico, col quale poniamo le basi per le vittorie del futuro” ha commentato la leader del movimento di estrema destra.

Fallisce l’assalto alla Vaucluse, il dipartimento di Avignone, dove non c‘è una maggioranza: sei cantoni ai socialisti, sei all’Ump, cinque al Front National. Che, comunque, passa dall’unico consigliere dipartimentale che aveva in precedenza (non riconfermato) a un centinaio in tutto il Paese.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuova Caledonia: rimpatriati i turisti, sette i morti per gli scontri nell'arcipelago

Proteste in Nuova Caledonia, arrivato Macron: la visita del presidente "senza limiti di tempo"

Proteste in Nuova Caledonia: il presidente francese Macron in partenza per una missione