EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Preghiere in Siria e Iraq per i 200 cristiani rapiti dall'Isil

Preghiere in Siria e Iraq per i 200 cristiani rapiti dall'Isil
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Preghiera collettiva, vicino Damasco, in Siria, per la sorte dei 200 cristiani assiri rapiti dall’Isil a Nasaka. L’azione dei miliziani ha riguardato

PUBBLICITÀ

Preghiera collettiva, vicino Damasco, in Siria, per la sorte dei 200 cristiani assiri rapiti dall’Isil a Nasaka.

L’azione dei miliziani ha riguardato diverse località del nord della Siria, dove sarebbero stati compiuti veri e propri rastrellamenti e azioni di pulizia etnica.

Si tratta dell’ennesima iniziativa contro le minoranze religiose presenti da secoli in Siria, Iraq e Turchia.

Si prega anche a Kirkuk, nel Kurdistan iracheno, dove vivono numerosi cristiani assiri, in gran parte in fuga da Mosul.

“Nessuno di noi vuole andarsene, ma lo stato delle cose ci obbliga a farlo. I bambini hanno paura e anche noi ne abbiamo. Continuamo a vagare da un posto all’altro, se le cose restano come sono nessuno resterà. Vogliamo pace, vogliamo che l’Iraq torni alla normalità. Quando accadrà allora ognuno tornerà a casa sua”.

Profughi cristiani sono giunti anche in Libano. Con una manifestazione a Beirut davanti alla sede dell’Onu hanno chiesto un intervento internazionale a loro difesa.

Secondo alcune fonti, i 200.000 cristiani assiri residenti in Siria che si contavano prima dell’inizio della guerra si sarebbero ridotti ad appena 20.000.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria, raid all'ambasciata dell'Iran a Damasco: Khamenei, "Israele sarà punito"

Siria: autobomba esplode in un mercato, morti e feriti

Attacco aereo israeliano su Damasco: ucciso un comandante iraniano