Gemalto conferma: "probabile attacco ai nostri codici"

Gemalto conferma: "probabile attacco ai nostri codici"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il produttore di sim sarebbe stato "hackerato" nel 2010 dai servizi segreti americani e britannici.

PUBBLICITÀ

Rimangono abbottonati i vertici di Gemalto, dopo l’indagine interna sul presunto attacco, nel 2010 e 2011, per rubare i codici di criptaggio del più grande produttore al mondo di sim per telefoni cellulari.

A renderlo noto, in base a documenti forniti dalla “gola profonda” Edward Snowden, era stato il quotidiano on line ‘‘The intercep’‘.

L’azienda aveva subito avviato delle verifiche.

“Quest’attacco molto probabilmente c‘è stato. Le nostre osservazioni corroborano quanto c‘è scritto nei documenti che presumibilmente arrivano dall’Nsa e dai servizi britannici. Un’incursione molto innovativa, come non se ne sono mai viste. Non sembrerebbe compiuta da un hacker o dalla mafia, come avviene di solito”.

La società ha affermato che sarebbe molto difficile da provare in un’aula di tribunale e ha, comunque, tenuto a sottolineare che i danni sono minimi, perché i codici violati riguardavano schede di vecchia generazione.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia e Regno Unito festeggiano 120 anni di cooperazione: simbolici cambi della guardia congiunti

La polizia sgombera decine di migranti senzatetto da Parigi, ong: "Pulizia sociale per le Olimpiadi"

Francia, ritrovati tra le Alpi i resti di Émile Soleil, il bambino di due anni scomparso a luglio