ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Esercito Kiev avrebbe respinto avanzata ribelli aeroporto Donetsk

Access to the comments Commenti
Di Andrea Neri
Esercito Kiev avrebbe respinto avanzata ribelli aeroporto Donetsk
Dimensioni di testo Aa Aa

I carri armati dell’esercito ucraino avebbero respinto o per lo meno contenuto la nuova offensiva dei ribelli nell’area di quello che era l’aeroporto internazionale di Donetsk. Un’area che resta terreno di scontro e che, allo stadio attuale, sarebbe divisa tra zone di controllo dei ribelli e zone tenute dai soldati di Kiev. L’esercito ucraino è passato alla controffensiva dopo due giorni di avanzata dei militari indipendentisti.

“Kiev ha sfruttato la tregua nel Donbass per ricostituire le proprie forze e procurarsi armi pesanti: artiglieria, lanciarazzi di tipo Grad o Uragan” accusa Alexander Zakharchenko, capo dell’autoproclamata Repubblica di Donetsk.

Ma se la situazione resta tesa e confusa sul terreno, non sono oggetto di dubbio le condizioni drammatiche della popolazione nella città di Donetsk: diversi quartieri sono stati interessati dai bombardamenti degli ultimi 3 giorni. Il portavoce delle operazioni anti-terrorismo ucraine Andriy Lysenko:

“Siamo pronti ad un cessate il fuoco se i terroristi non sparano. Siamo pronti, a determinate condizioni, a far indietreggiare le armi pesanti di 15 chilometri, come stabilito dagli accordi di Minsk. I soldati ucraini non sono mai entrati nella città di Donetsk e non aspirano ad entrarvi” assicura.

Ieri la Russia si è detta estremamente preoccupata della ripresa dei combattimenti nell’Est ucraino e il Presidente Vladimir Putin ha inviato una lettera al suo omologo Petro Poroshenko proponendo il ritiro dell’artiglieria pesante dal fronte.