Aurora Velez

Aurora Velez
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Era a 45 chilometri da Phnom Pehn, in Cambogia, che abbiamo incontrato questa ragazzina: si chiamava Ban Shrei Pitch.

Una bambina di 13 anni, lo sguardo triste ma pieno di determinazione.

Abitava in una piccola capanna di legno costruita su terra battuta.

I suoi genitori erano morti e lei, come molte altre ragazzine della sua età, era stata obbligata a lavorare da quando aveva 8 anni nei campi di gelsomino. Il suo fratellastro, malato, non poteva occuparsi di lei.

Ma grazie a un colpo di fortuna Ban Shrei era stata ammessa alla scuola Happy Chandara, dove aveva studiato il khmer, il francese e l’inglese. Nel fine settimana tornava a casa dal fratellastro.

Mentre la intervistavo mi aveva detto con convinzione: “Farò l’interprete o il medico”.

L’abbiamo accompagnata a casa.

Non avevano nulla da mangiare, eppure ci hanno offerto i frutti dell’unico albero del giardino e un braccialetto di gelsomino.

Venti secondi di reportage, un abbraccio sincero, una speranza condivisa. Mi sono rimasti dentro, con un segno indelebile, per tutta la vita.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Russia zittisce Radio Free Europe: "Organizzazione indesiderabile"

Polonia, la nuova accusa dell'opposizione al governo Tusk: "Colpo di Stato" alla procura generale

Disordini per i media pubblici in Polonia, a Varsavia protesta l'opposizione di destra contro Tusk