EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Kazakistan: il mausoleo di Turkestan attira ogni anno milioni di visitatori

Kazakistan: il mausoleo di Turkestan attira ogni anno milioni di visitatori
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Questa settimana la nostra cartolina arriva dal sud del Kazakistan, da Turkestan, antica città della via della seta. Informazioni chiave sul

PUBBLICITÀ

Questa settimana la nostra cartolina arriva dal sud del Kazakistan, da Turkestan, antica città della via della seta.

Informazioni chiave sul Mausoleo di Khoja Ahmed Yasawi

  • La costruzione del Mausoleo è iniziata nel 1389
  • È diventato un patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2003
  • Yasawi era un poeta e mistico turco
  • Il mausoleo non è ancora del tutto ultimato
  • È alto 39 metri e la cupola è la più grande dell’Asia centrale

Qui il paesaggio è dominato da un mausoleo spettacolare che attira decine di migliaia di visitatori musulmani da tutto il mondo.

“Le dimensioni del monumento sono impressionanti – dice Seamus Kearney, euronews – è alto quasi come un edificio di 15 piani. E la cupola di questo tipo è la più grande di tutta l’Asia centrale”.

La costruzione del mausoleo è iniziata alla fine del XIV secolo in onore di Khoja Ahmed Yasawi, poeta e mistico turco.

“Questo è uno dei più importanti luoghi religiosi che vede provenire pellegrini da diversi paesi – dice Nurlan Dukenbayev, storico – Ogni anno sono circa un milione i visitatori, dai paesi ex-sovietici, dal resto dell’Asia centrale e da altre zone ancora”.

Il mausoleo, che è un monumento nazionale protetto, è stato anche dichiarato patrimonio mondiale dell’Unesco nel 2003.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cartoline dalla Croazia: alla scoperta della strada del vino

Croazia, l'accoglienza nell'arcipelago delle Elafiti tra mare e bellezze paesaggistiche

Dubai: in bici nel deserto, tra dune e antilopi