EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Romania, i lavoratori protestano contro il mercato del lavoro ostile e chiedono meno tasse

Membri dei sindacati di tutto il paese partecipano a una protesta davanti alla sede del governo a Bucarest, il 13 maggio 2024.
Membri dei sindacati di tutto il paese partecipano a una protesta davanti alla sede del governo a Bucarest, il 13 maggio 2024. Diritti d'autore Vadim Ghirda/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Vadim Ghirda/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews Agenzie:  EBU
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Solo il 69 per cento dei romeni di età compresa tra i 20 e i 64 anni lavora. Nel paese in migliaia hanno protestato per chiedere meno tasse e di riformare il mercato del lavoro

PUBBLICITÀ

Il sindacato nazionale romeno ha organizzato una protesta davanti alla sede del Parlamento per chiedere una riduzione della tassazione sui salari. Hanno partecipato circa tremila iscritti, arrabbiati per quello che definiscono un mercato del lavoro ostile: l'accusa all'élite politica è di privilegiare i ricchi e il capitale.

Una condizione, quella lavorativa, che negli anni ha spinto circa cinque milioni di romeni a emigrare in cerca di opportunità migliori all'estero. “Siamo sommersi da tasse e imposte, devono essere abbassate”, ha detto un manifestante, “soprattutto le tasse sul lavoro, in questo modo saremmo in grado di aumentare il nostro tenore di vita e non dovremmo andare all'estero”.

Le tasse sul lavoro in Romania arrivano al 42 per cento

I manifestanti sostengono che più del 42 per cento del loro reddito lordo va allo Stato, rispetto alla media Ue del 38 per cento. Secondo Eurostat i bassi salari e l'elevata tassazione hanno portato la Romania a registrare il terzo tasso di occupazione più basso dell'Unione nel 2023, dopo Italia e Grecia.

Solo il 69 per cento dei romeni di età compresa tra i 20 e i 64 anni ha un'occupazione, il che significa che quasi un terzo della popolazione non lavora.

“Al momento abbiamo un livello di tassazione estremamente alto”, ha dichiarato il presidente del Blocco sindacale nazionale, Dumitru Costin, “Inoltre, abbiamo problemi con quasi due milioni di cittadini che l'anno scorso non hanno pagato nemmeno un centesimo di tasse sui loro redditi o sui contributi per le pensioni o la sanità”.

In Romania l'evasione fiscale è un grande problema

Nel 2023, la Romania aveva una popolazione occupata di 7,7 milioni di persone, ma solo 5,6 milioni di persone pagavano i contributi: 2,1 milioni di occupati non hanno pagato imposte pur usufruendo dei servizi dello Stato.

Kontas Management, una società di servizi contabili con sede a Bucarest, afferma che l'aliquota di base dell'imposta sul reddito è fissata al 10 per cento, ma i contributi obbligatori dei dipendenti al fondo sociale, all'assicurazione sanitaria, ai sussidi di disoccupazione e al bilancio dello Stato fanno salire di molto la percentuale del salario lordo prelevata dallo Stato.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Romania, proteste di camionisti e agricoltori

State of the Union: Erdogan e Mitsotakis riprendono gli incontri diplomatici. Tblisi in sommossa

La Juventus esonera Allegri