This content is not available in your region

Centrali nucleari: il fiore (appassito) all'occhiello della Francia

Access to the comments Commenti
Di Christopher Pitchers
In Francia ci sono 56 reattori nucleari
In Francia ci sono 56 reattori nucleari   -   Diritti d'autore  Laurent Cipriani/AP   -  

L'energia nucleare ha un ruolo fondamentale nella produzione di energia elettrica in Francia, il Paese che possidede il maggior numero di centrali in Europa. Nello stabilimento di Paluel, in Normandia, tutti i reattori sono operativi. ma l'usura ha comportato la chiusura per manutenzione di molte altre centrali, con conseguente, riduzione della capacità produttiva.

Un periodo nero per il nucleare

In passato la Francia era il più grande esportatore di elettricità del continente, ma ora è costretta a comprare più energia di quanta ne venda, visto che 26 dei suoi 56 reattori sono rimasti inattivi. Anche se, spiega il responsabile del sito di Paluel, la bilancia dell'import-export per quanto riguarda l'approvvigionamento energetico vive per sua natura di alti e bassi.

“Ci sono momenti durante il giorno in cui esportiamo elettricità e poi ci sono momenti durante il giorno in cui la importiamo perché l'elettricità non può essere immagazzinata. E ci deve essere sempre un equilibrio tra produzione e consumo, a seconda dell'ora del giorno. In alcuni momenti esportiamo elettricità in Germania e altri Paesi e altre volte la importiamo", dice a Euronews Jean-Marie Boursier, direttore della centrale.

Il presidente francese Emmanuel Macron intende affrontare la sfida mettendo l'energia nucleare al centro della transizione nazionale verso la neutralità climatica.

Il colosso dell'energia Edf, nazionalizzato dal governo all'inizio di quest'anno, prevede di costruire sei nuovi reattori in tre siti nucleari, con il primo intorno al 2035.

Ma gli attivisti locali nella zona di Paluel pensano che i 50 miliardi di euro necessari per le modifiche sarebbero stati spesi meglio in progetti per fonti di elettricità più sostenibili.

“Non saremo mai pronti nel 2035 o 2037 come annunciato", afferma un attivista locale, Jean-Paul Desjardins. "È una certezza e ci sta costando una fortuna. Edf è in deficit e in bancarotta. Quindi è lo Stato che paga, cioè noi ovviamente. E con questi soldi potremmo fare molto, molto di più in termini di energie rinnovabili, come il solare, l'eolico o finanziare trasporti più ecologici".

Con molti reattori in manutenzione e i lavori di rinnovamento delle centrali ancora in corso, la Francia potrebbe dover aspettare molto tempo per riconquistare la sua, preziosa, autonomia elettrica.