Fact Check: falsa la protesta dei rifugiati ucraini a Roma

Un fermoimmagine di "The Cube"
Un fermoimmagine di "The Cube" Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Sophia Khatsenkova
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il video diffuso da un canale Telegram pro Russia mostra in realtà una manifestazione ambientalista di giugno

PUBBLICITÀ

Notizie false sui rifugiati ucraini continuano a diffondersi in Europa. Un canale Telegram pro Cremlino ha pubblicato un video la scorsa settimana dicendo che si trattava di una protesta dei rifugiati ucraini e che i cittadini italiani fossero stufi di queste stupide proteste.

Il post è stato visto migliaia di volte su questo canale che ha 80mila iscritti

Ma è falso. Qui a "The Cube" abbiamo preso un paio di fermoimmagine dal video e abbiamo fatto una ricerca inversa su internet. Abbiamo verificato che questo video è stato condiviso da diversi media italiani. E non ha nulla a che vedere con i rifugiati ucraini.

Si tratta di una protesta che si è tenuta a giugno a Roma, organizzata da un gruppo ambientalista chiamato Extinction Rebellion.

Abbiamo trovato il video originale su Twitter, che conferma che si tratta di una protesta per il clima. Secondo i media italiani, i manifestanti hanno bloccato la strada per protestare contro l'uso dei combustibili fossili e per spingere il governo verso l'energia pulita, come quella solare o eolica.

Ma non è la prima volta che canali pro Russia provano a gettare discredito sui rifugiati ucraini

Questa settimana, "The Cube" ha smascherato la fake news sui richiedenti asilo ucraini invitati a stare in un ex campo di concentramento tedesco.

Per altre notizie del genere seguite su Twitter l'hashtag #TheCube.

(traduzione di Eloisa Covelli)

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Missili iraniani su Tel Aviv, ma è un fake: online l'AI spopola e non sempre bene

Salute e disinformazione: fumare fa dimagrire?

Le fake news sull'incidente di Baltimora e sulla responsabilità dell'Ucraina: i dubbi sul capitano