This content is not available in your region

La Commissione Europea chiede embargo sul petrolio russo

Access to the comments Commenti
Di Aida Sanchez Alonso  & Alberto de Filippis
euronews_icons_loading
Image
Image   -   Diritti d'autore  Kenzo Tribouillard/AP

Le sanzioni europee contro la Russia includeranno il petrolio. Il presidente della Commissione europea ha proposto un divieto totale all'importazione, anche se graduale.

Ursula von der Leyen ha spiegato che l'embargo sarà di sei mesi per il greggio e di nove mesi per i prodotti raffinati.

Così Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea: "Siamo chiari: non sarà facile. Alcuni Stati membri dipendono fortemente dal petrolio russo. Ma dobbiamo semplicemente lavorarci sopra".

L'embargo petrolifero fa parte del sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia.

Questo include anche una nuova personalità. Nella lista c'è il patriarca della Chiesa ortodossa russa Kirill.

E le misure contro la più grande banca russa, Sberbank, che verrà esclusa dal sistema SWIFT.

Continua Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea: "Con tutti questi passaggi, stiamo privando l'economia russa della sua capacità di diversificare e modernizzarsi. Putin voleva cancellare l'Ucraina dalla mappa. Chiaramente non ci riuscirà. Al contrario: l'Ucraina si è sollevata unita. mentre il suo stesso paese, la Russia, sta affondando".

In relazione al divieto del petrolio, la Germania lo ha accettato. Ma altri due paesi, Slovacchia e Ungheria, stanno lottando per un'eccezione e un'eliminazione graduale più lunga a causa della loro altissima dipendenza dal petrolio russo.

Alcuni deputati continuano a nutrire dubbi. Così il bulgaro Angel Dzhambazki (ECR): "C'è una decisione comune di avere sanzioni contro la Russia. Va bene, sono favorevole, ma andiamo avanti insieme non separati e non facciamo tutto alle spalle di alcuni.

Il Parlamento è favorevole in modo schiacciante all'embargo, alcuni deputati ritengono che sia troppo tardivo e lento

Rasmus Andresen, Verdi (Ger):  "Lo chiedevamo da molto tempo qui in parlamento, ma d'altra parte c'è ancora molta strada da fare. E il nostro timore è che avendo un periodo di attuazione di sei mesi e scappatoie per Ungheria e Slovacchia, la proposta finirà per essere molto più debole di quanto vorremmo che fosse".

Ora la proposta è sul tavolo degli Stati membri, che dovranno approvare all'unanimità il sesto pacchetto.