This content is not available in your region

Commissario Breton: "Implementare lnfrastruttura di aziende di semiconduttori"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Commissario Breton: "Implementare lnfrastruttura di aziende di semiconduttori"
Diritti d'autore  JENS SCHLUETER/AFP or licensors

Con il mondo che lotta per l'accesso ai semiconduttori, o microchip, questa settimana l'UE svelerà un nuovo pacchetto volto a stimolare la ricerca e la produzione europea in questo mercato cruciale.

Durante una visita all'IMEC, importante centro di ricerca e sviluppo per semiconduttori con sede in Belgio, il commissario dell'UE per l'industria ha insistito sulla necessità che l'Europa sia più autonoma in questo campo.

Il pacchetto dell'UE mira a versare circa 45 miliardi di euro nel settore dei microchip, con l'obiettivo di moltiplicare per 4 la produzione dell'UE entro il 2030.

Thierry Breton, commissario UE per l'industria:  "Avremo tre pacchetti principali: uno sarà sostenere la R&S con sovvenzioni comprese tra 11 e 12 miliardi... La seconda parte sarà sostenere fab e mega fab, ovvero 30 miliardi di euro di denaro pubblico. E la terza parte sarà sostenere le start-up che è un fondo tra 2 e 5 o 6 miliardi per sostenere specificamente le start-up in questo settore".

In altre parole, la maggior parte del denaro andrà agli impianti di fabbricazione di semiconduttori, noti anche come Fab, che mancano in Europa. L'UE è anche pronta ad allentare le norme sugli aiuti di Stato per finanziare questi progetti. Al momento, tre quarti delle capacità di produzione di chip si trovano in Asia. E il 92% dei chip più avanzati è prodotto a Taiwan.

I semiconduttori sono utilizzati in tutto, dagli smartphone alle automobili, ai caccia e all'Internet delle cose. Ma la pandemia e l'interruzione globale delle catene di approvvigionamento hanno aumentato la necessità di fiducia in se stessi in questo campo.

Con un mercato destinato ad aumentare in modo esponenziale, i governi di tutto il mondo, inclusi Cina e Stati Uniti, stanno riversando miliardi in questo settore, lasciando all'Europa poco altra scelta che seguire la tendenza.

Così Luc Van den hove, AD di IMEC:  Questo è un ecosistema molto interconnesso in cui dipendiamo realmente da altre regioni ed è quindi molto importante assicurarsi che l'Europa rafforzi la sua posizione in modo da creare anche dipendenze inverse in Europa.

Nonostante questi massicci investimenti pubblici, resta da vedere se le aziende di semiconduttori creeranno o meno linee di produzione in Europa.