This content is not available in your region

Le isole galleggianti che puliscono le acque del Baltico meridionale

Di Aurora Velez
euronews_icons_loading
Le isole galleggianti che puliscono le acque del Baltico meridionale
Diritti d'autore  euronews

La laguna di Curi in Lituania soffre, come molti altri luoghi del Baltico meridionale, di un eccesso di nutrienti. Per risolvere il problema sono stati installati degli isolotti artificiali, fatti di canne ed epilobio. Crescendo, queste piante si nutrono dell'azoto e del fosforo, presenti in grande quantità nei fiumi. Da dove vengono questi nutrienti e quali sono gli effetti di queste isole artificiali? Lo abbiamo chiesto ad Arturas Razinkovas-Baziukas, responsabile del progetto LiveLagoons.

"L'azoto proviene principalmente dall'agricoltura, e il fosforo dalle acque reflue del comune -dice Razinkovas-Baziukas -. Abbiamo calcolato quanti nutrienti riesce ad assorbire ciascuna isola. Nel corso di un anno ogni isola rimuove l'equivalente dei nutrienti che sono prodotti da 2-3 famiglie".

Il budget del progetto è di 1,2 milioni di euro, coperto quasi interamente dalla politica di coesione europea. LiveLagoons ha installato diversi tipi di zone umide galleggianti in tre paesi del Baltico meridionale: Germania, Polonia e in Lituania. Uno degli isolotti è in un canale urbano che sfocia nella laguna di Klaipeda.

Biodiversità due volte superiore

Jurate e Renate sono ricercatrici dell'Istituto di Ricerca Marina di Klaipeda, dove vengono analizzati i campioni di tutte le zone umide parte del progetto. Una volta all'anno raccolgono le piante e i fiori degli isolotti. Gli steli e le foglie crescono grazie ai nutrienti presenti nel fiume. Questo è uno dei modi in cui gli isolotti contrastano l'eccesso di nutrienti e l'inquinamento, ma non è l'unico.

"Il secondo modo riguarda la parte subacquea, dove si trovano le radici delle piante e i microrganismi che vi sono attaccati - dice Jurate -. Le radici processano la materia organica e i nutrienti in modo che possano essere rilasciati nell'atmosfera o sepolti nei sedimenti.

Secondo gli scienziati, le acque che circondano gli isolotti artificiali sono migliorate in visibilità e biodiversità. Qui pesci e uccelli trovano riparo e cibo. "Abbiamo appurato che la biodiversità all'interno degli isolotti era due volte superiore a quella degli habitat vicini", dice Razinkovas-Baziukas. Diversi paesi europei hanno già mostrato interesse per gli isolotti galleggianti di LiveLagoons.