EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La svolta green di Biden mette (quasi) tutti d'accordo

La svolta green di Biden mette (quasi) tutti d'accordo
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Gli Stati Uniti a partire da venerdì torneranno a far parte degli accordi di Parigi con un piano di investimenti da 2 trilioni di dollari. Gli attivisi chiedono però maggiore impegno per sostenere la transizione ecologica dei paesi più poveri

PUBBLICITÀ

Gli Stati Uniti faranno marcia indietro e questo venerdì torneranno a far parte dell'accordo di Parigi per la lotta al cambiamento climatico, firmato nel 2015 sotto la presidenza di Obama.

Uno dei primi ordini esecutivi di Joe Biden è stato quello di revocare la decisione di Donald Trump di abbandonare il trattato nel 2017.

Il nuovo presidente democratico si impegna a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, tramite l’uso di ecosistemi naturali o soluzioni tecnologiche.

Sebbene la Cina sia il più grande inquinatore al mondo con quasi un terzo delle emissioni, gli Stati Uniti sono al secondo posto a causa dell’estrazione di combustibili fossili e del settore agricolo e industriale.

Gli ambientalisti sostengono che sia nbecessario un impegno maggiore e più solidarietà dalle economie più ricche verso i paesi che hanno meno risorse.

"Vogliamo sicuramente vedere l'annullamento degli investimenti nei combustibili fossili, compresi anche quelli nel gas naturale liquido, ce ne sono ancora troppi.- spiega Jagoda Munić, direttrice di Friends of the Earth-Europe. - Inoltre vogliamo vedere un po' più di leadership su scala globale condivisa tra gli Stati Uniti e l’UE e mostrare solidarietà verso il Sud del mondo, affinchè ci sia un trasferimento di conoscenza e tecnologia per sostenere la transizione in paesi meno sviluppati".

Il presidente Biden vuole implementare un piano climatico da 2 trilioni di dollari di investimenti per creare 10 milioni di posti di lavoro nei settori dell'energia pulita. Ha anche promesso di limitare le emissioni di metano dalle trivellazioni di petrolio e gas.

Il mondo delle imprese è soddisfatto perché ciò renderà anche più facile innovare e commerciare con l'UE, spiega Susan Danger, CEO della Camera di commercio americana presso l'UE.

"Affinché le imprese possano investire a lungo termine, devono sapere che l'ambiente economico è stabile, prevedibile e che c'è certezza. Possono investire i loro soldi nelle nuove tecnologie che sono necessarie non solo alle aziende per ridurre le proprie emissioni di carbonio, ma anche fornire soluzioni a tutte le parti della società e anche ad altre aziende per ridurre le loro emissioni inquinanti".

Una più stretta cooperazione U E-USA potrebbe tradursi in rinnovati impegni da parte di altri paesi, durante la prossima Conferenza delle Nazioni Unite sul clima a novembre a Glasgow.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nuovo corso di Biden sui migranti: ingresso in Usa per un piccolo gruppo di richiedenti asilo

Prognosi positiva per il premier slovacco Fico, attentatore portato in tribunale

Germania: Ultima Generazione blocca l'aeroporto di Monaco, voli cancellati e ritardati