EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Etica ed ecosostenibile: alla scoperta dell'edilizia con le stampanti 3d

In collaborazione con The European Commission
Etica ed ecosostenibile: alla scoperta dell'edilizia con le stampanti 3d
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Abbiamo incontrato Hans Vermuelen della Aectual, start-up olandese specializzata in progettazione ed edilizia con le stampanti 3d: un metodo a impatto zero, "che potrebbe risolvere la crisi degli alloggi"

Hans Vermuelen è il direttore generale diAectual, una start-up olandese specializzata in soluzioni architettoniche sostenibili e riciclabili, realizzate grazie alle stampanti 3D. Il suo modello di lavoro e di business potrebbe tracciare la strada per il raggiungimento degli obiettivi indicati da Bruxelles, che entro il 2030 chiede un calo delle emissioni di Co2 nei settori dell'agricoltura, dei rifiuti, dei trasporti e dell'edilizia. 

Secondo Vermuelen, la ragione per cui l'impatto ambilentale della stampa 3d risulta molto minore è presto spiegata: "la differenza tra la modalité digitale di costruire e quella tradizionale - illustra a Euronews - è che, in primo luogo, si usa solo la quantità di materiale di cui si ha bisogno perché si stampa strato per strato: e quando l'oggetto è finito, non ci sono materiali di scarto". "In secondo luogo - continua - il tempo necessario dal design alla produzione si accorcia sensibilmente, perché tutto avviena in un'unico processo digitale; e infine che la digitalizzazione avvicina l'idea del design alla comunità e alle persone". 

Vermuelen e il resto del team sono affascinati dalla stampa in 3D perché combina la potenza del design con le possibilità della produzione di massa: a sentir loro, la flessibilità offerta da queste massicce stampanti potrebbe rivelarsi fondamentale nella soluzione di una piaga mondiale. come la crisi degli alloggi .

"Crediamo che la tecnologia migliorerà esponenzialmente nei prossimi decenni" conclude. "E in questo modo potremo creare una rete per portare la produzione digitale su vasta scala, mettendola a disposizione di tutti coloro che, in tutto il continente e in tutto il mondo, hanno un disperato bisogno di abitazioni. Perché crediamo che noi, come esseri umani, dovremmo essere in grado di creare soluzioni per dare a tutti una vera abitazione, una casa insomma".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Stampa 3D di organi ed arti, la nuova frontiera della medicina

Città che si riparano da sole: il drone che vola e riempie le buche con stampante 3D