EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

I distonici piani europei per i migranti

I distonici piani europei per i migranti
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Non si capisce bene come si configura il piano europeo per la gestione dei flussi migratori. Per questo si torna a discutere i piani a Bruxelles

PUBBLICITÀ

Le piattaforme per il controllo dell'emigrazione saranno a carico di Bruxelles e dovranno garantire uno sbarco ordinato dei migranti. Tutti gli stati costieri del Mediterraneo saranno incoraggiati a istituire zone di ricerca e soccorso, centri di coordinamento del salvataggio marittimo oltre a percepire 6000 euro per migrante che resti sul suo territorio. Le possibilità di reinsediamento, avverte la Commissione, non saranno disponibili per tutte le persone sbarcate che necessitano di protezione internazionale e i punti di accoglienza dovrebbero essere stabiliti il più lontano possibile da punti di partenza irregolari.

Natasha Berthaud, portavoce della Commissine Europea: "I due concetti, i centri controllati e gli accordi per lo sbarco regionale dovrebbero essere visti come un lavoro collegiale, insieme dovrebbero contribuire a garantire una responsabilità regionale realmente condivisa nel rispondere alle complesse sfide migratorie, spiega la portavoce della commissione europea".

I piani hanno lo scopo di alleggerire il carico sull'Italia. Tuttavia Italia, Austria, Germania e Francia non sono disposti a ospitare tali centri. Non è chiaro quali paesi africani siano pronti a ospitare piattaforme di sbarco.  Una situazione molto cofusa e per questo i piani si ridiscutono a Bruxelles.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spagna: Pedro Sánchez proporrà il riconoscimento dello Stato palestinese al Parlamento

Prognosi positiva per il premier slovacco Fico, attentatore portato in tribunale

Germania: Ultima Generazione blocca l'aeroporto di Monaco, voli cancellati e ritardati