EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Prove tecniche di unità europea al vertice di Sofia

Prove tecniche di unità europea al vertice di Sofia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Due giorni in cui i leader europei dorvanno affrontare il dossier sull'Iran, le tariffe commerciali degli stati uniti e altro ancora. Quello che doveva essere un vertice sull'allargamento a Est si è trasfromato in una riunione di "emergenza" per i leader europei

PUBBLICITÀ

A Sofia stanno ultimando i preparativi finali della sala che ospiterà i leader dell'UE per il vertice sui Balcani occidentali, e il menù delle discussioni che iniziaranno durante la cena di mercoledì è più che ricco.

Il dossier sull'Iran, il processo di pace in Medio Oriente e le tariffe commerciali pesano su questo vertice, mentre la battaglia Donald vs Donald - Tusk contro Trump, è iniziata: il presidente del consiglio europeo si è espresso con il metodo di comunicazione preferito dal Presidente degli Stati Uniti.

"Con amici del genere, chi ha bisogno di nemici?" ha scritto su twitter. "Grazie per aver fatto venire tutte le illusioni. Se hai bisogno di una mano non fare affidamento su di noi".

Il problema è se l'UE potrà mostrare un fronte compatto. Questo è quello che il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha chiesto a Bruxelles, osservando che c'è bisogno di un'altra guerra fredda.

"Il ruolo dell'UE è assolutamente essenziale, quindi il mio appello qui a Bruxelles è che l'Unione europea sia sempre più unita, sempre più efficace, sempre più presente e che la sua voce sia sempre più sentita sulla scena internazionale."

Una tappa cruciale quella di Sofia dove sarà chiaro se i leader europei saranno capaci di cantare all'unisono.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Summit Unione Euopea-Balcani: Iran e Trump in agenda

Francia: niente vicepresidenza per il Rassemblement national nell'Assemblea nazionale

Medico tedesco della Croce Rossa condannato a morte in Bielorussia, sostengono gli attivisti