All'Europarlamento il caso Selmayr

All'Europarlamento il caso Selmayr
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Dibattito acceso nell'emiciclo di Strasburgo sulla nomina del nuovo Segretario Generale della Commissione

PUBBLICITÀ

La nomina di Martin Selmayr a Segretario Generale della Commissione Europea non è piaciuta a tutti, soprattutto perché viene presa come un'imposizione del Presidente della Commissione, Jean Claude Juncker. Per i critici, Sellmayr, la cui ascesa è stata piuttosto rapida, sarebbe un protetto del presidente.

Alcuni eurodeputati a Strasburgo chiedono un'inchiesta su questa nomina, e la liberale olandese Sophie int' Veld esige la revoca della nomina da parte della Commissione.

Nell'emiciclo, per spiegarsi davanti ai deputati, la Commissione è stata rappresentata da Guenther Oettinger:

"Quando scegliamo un Segretario Generale non c'entrano nè la nazionalità nè l'appartenenza a un partito politico, ma solo i requisiti del candidato. Ed è per questo che riteniamo che il candidato prescelto, Martin Selmayr, abbia tutte le carte in regola per quel ruolo", ha detto il Commissario al Bilancio.

Sophie int' Veld è andata al di là della richiesta di revoca della nomina, parla di inaffidabilità della Commissione:

"Se i Commissari sono così facilmente intimiditi da un funzionario, se si comportano come bambini impauriti quando si trovano di fronte a una decisione inattesa sulle nomine, come possiamo aspettarci che facciano muro per gli interessi europei, per esempio contro Trump nei conflitti commerciali, o che resistano alle pressioni delle lobby più potenti, o che siano fermi coi governi nazionali che violano le regole europee?"

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Esplode l'Affaire Selmayr, il difensore civico Ue: "Infrante le regole"

Martin Selmayr: perché così tanto parlare del "Mostro di Berlaymont"?

State of the Union: Decisioni su clima, trasparenza e migrazione