Bruxelles vuole più Europa nei contenuti tv e on demand

Bruxelles vuole più Europa nei contenuti tv e on demand
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

C‘è sempre più Europa nelle menti dei Commissari della Squadra Juncker.

PUBBLICITÀ

C‘è sempre più Europa nelle menti dei Commissari della Squadra Juncker. A Bruxelles sono state presentate nuove misure contro le disparità per provenienza e residenza geografica all’acquisto di prodotti e servizi on-line, ma anche nuove linee guida sui programmi tv e dei provider on-demand, dove i contenuti made in Europa dovranno rappresentare almeno la metà della programmazione delle tv e il 20% di quella dei provider on demand, tra cui compare anche Netflix.

Si tratta di una promozione indiretta dei film europei. Ecco perchè crediamo che il 20% sia un dato ragionevole. Questo significa di fatto che i prodotti non europei potranno essere fino all’80%. Ovvero film americani o asiatici” ha spiegato il Commissario Oettinger.

#Netflix catalog already contains 21% of European films. Our #AVMSD update is pragmatic & will level playing field https://t.co/68UatS4T5Z

— Günther H. Oettinger (@GOettingerEU) May 25, 2016

Nonostante le rassicurazioni del Commissario, però, c‘è chi crede che le raccomandazioni dell’esecutivo in materia di programmazione dei contenuti tv e on demand suonino eccessivamente datate in un mondo sempre più caratterizzato da uno stile di consumo e di fruizione globale.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni: la sinistra sceglie Walter Baier per la Commissione europea

Agricoltori: tensione a Parigi, Macron costretto a un incontro con pochi manifestanti

Polonia, la Commissione vuole sbloccare 137 miliardi di euro per i progressi sullo Stato di diritto