EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Martin Schulz: nessun trattamento di favore alla Francia

Martin Schulz: nessun trattamento di favore alla Francia
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il giorno dopo la decisione della Commissione europea di dare due anni in piu’ alla Francia per risanare il deficit, il Presidente del Parlamento

PUBBLICITÀ

Il giorno dopo la decisione della Commissione europea di dare due anni in piu’ alla Francia per risanare il deficit, il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz spiega perché il caso francese è diverso da quello greco:
“La Francia ha tagliato enormemente la spesa pubblica, c‘è un piano di 50 miliardi di euro di spending review in Francia. La gente che ha manifestato in strata non ha manifestato contro il governo perché il governo ha fatto loro dei regali. No, no, il bilancio francese è sotto osservazione, non c‘è un trattatamento diverso.

Gli stati europei – ha sottolineato Schulz, hanno stanziato oltre 200 miliardi di euro per la Grecia, ma le misure adottate a livello nazionale sono state ingiuste.

“La Grecia non è stata trattata male- ha detto il Presidente del Parlamento- c‘è stata molta solidarietà con la Grecia come paese. Ma non c‘è stata solidarietà all’interno del paese, la gente comune, i giovani, i pensionati e gli impiegati hanno pagato il conto, mentre i ricchi avrebbero potuto contribuire tirando fuori miliardi che sono nei paradisi fiscali. E’ uno scandalo”.

La Francia ha evitato ancora una volta le sanzioni ma dovrà presentare un nuovo piano di riforme strutturali entro aprile. La Grecia invece ha ottenuto solo una proroga di 4 mesi per il suo piano di salvataggio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Lisbona, uomo arrestato per allarme bomba vicino alla sede del partito Chega

Parlamento Ue, il gruppo Identità e democrazia espelle l'Afd dopo i commenti filonazisti di Krah

Salis esce dal carcere: ai domiciliari in Ungheria in attesa di processo ed elezioni europee