EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Denis Mukwege: "il Premio Sakharov alle donne congolesi vittime di stupri"

Denis Mukwege: "il Premio Sakharov alle donne congolesi vittime di stupri"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
PUBBLICITÀ

Forti emozioni a Strasburgo durante la consegna del Premio Sakharov, il riconoscimento del Parlamento europeo a chi si batte per i diritti umani.

Il vincitore quest’anno è Denis Mukwege, ginecologo congolese che da oltre 15 anni cura le donne vittime di atroci violenze nella Repubblica Democratica del Congo.

“Il corpo delle donne è diventato un campo di battaglia e lo stupro è utilizzato come arma di guerra. Le conseguenze sono molteplici con un impatto sull’insieme della società: le famiglie sono disgregate, il tessuto sociale è distrutto, le popolazioni sono ridotte in schiavitu’ o costrette all’esilio, in un’economia fortemente militarizzata”- ha detto.

Attraverso stupri di massa le milizie cercano di controllare le immense ricchezze minerarie del paese, il dottor Mukwege ha chiesto all’Europa di sostenere l’applicazione gli accordi di pace della regione dei grandi laghi del 2013.

“Bisogna fermare l’impunità di fatto degli stupri nei conflitti armati!” E l’appello del presidente del Parlamento europeo Martin Schulz. “Quando gruppi militari compiono stupri si tratta di crimini di guerra, e questi crimini di guerra devono essere puniti come crimini di guerra!”

L’ospedale Panzi fondato dal dottor Mukwege accoglie ogni anno migliaia di vittime, donne, ma anche bambine di pochi mesi.. a loro l’ospedale offre cure mediche e psicologiche, un rifugio per ricominciare. Ed è a queste donne coraggiose che il dottore ha dedidato il Premio Sakharov.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Francia: niente vicepresidenza per il Rassemblement national nell'Assemblea nazionale

Medico tedesco della Croce Rossa condannato a morte in Bielorussia, sostengono gli attivisti

Emergenza caldo: bollino rosso sull'Europa meridionale, ma l'anticiclone dovrebbe dare tregua