EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Europa e lotta all'omofobia: l'Unione che non c'è

Europa e lotta all'omofobia: l'Unione che non c'è
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
PUBBLICITÀ

Il recente via libera in Francia al cosiddetto “matrimonio per tutti” ha ridestato nel paese un’ondata omofoba di violenze verbali e fisiche.

In video-messaggio da Tolone, Thibaud si rivolge a noi per conoscere la situazione in altri paesi e sapere se esista una risposta istituzionale a livello europeo.

A rispondergli è Evelyne Paradis, direttore esecutivo dell’associazione ILGA-Europe.

“La prima cosa da sottolineare – dice – è che l’omofobia e il rifiuto dei transessuali esistono e continueranno a esistere ovunque. In parte sono dovuti all’ignoranza, in parte alla paura. E in parte ancora all’odio”.

“Quanto vediamo in diversi paesi europei – prosegue Evelyne Paradis – è che non appena lesbiche, gay, bisessuali e transessuali acquistano maggiore visibilità, spesso si registra poi un incremento delle manifestazioni omofobiche nella sfera pubblica. Ciò che è deplorevole – e che abbiamo visto in Francia – è purtroppo che spesso leader politici e personaggi pubblici cavalcano il dibattito su temi come il matrimonio fra persone dello stesso sesso, per alimentare questa omofobia a fini politici”.

“Esiste una risposta organica da parte dell’Unione Europea? Purtroppo non ancora. Quanto già esiste a livello europeo è una serie di tutele contro le discriminazioni sul fronte del lavoro. Si tratta però di una sfera limitata, a cui sfuggono per esempio le violenze subite in strada o le discriminazioni invece subite a scuola, o nell’accesso alla sanità. In tutti questi ambiti mancano ancora delle tutele a livello europeo”.

Per saperne di più:
www.ilga-europe.org

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Sicurezza aerea, cos'è cambiato dopo il disastro Germanwings

Lavoratori distaccati, truffa o opportunità?

Come imparare online: l'autodidatta del futuro studia in rete