This content is not available in your region

Oksana Lyniv, prima donna direttrice d'orchestra al Comunale di Bologna

euronews_icons_loading
Oksana Lyniv, prima donna direttrice musicale di una fondazione lirica in Italia
Oksana Lyniv, prima donna direttrice musicale di una fondazione lirica in Italia   -   Diritti d'autore  Euronews
Di Luca Palamara

La passione che mostra sul palco quando dirige l’orchestra è ciò che ha reso Oksana Lyniv famosa nel mondo della musica classica. La direttrice d’orchestra di origine Ucraina e con una lunghissima esperienza nel suo paese natale, in Germania e Austria è stata la prima donna a dirigere l’orchestra del Bayreuth Festival, la casa di Wagner. Ed ora è la prima donna direttrice musicale di una fondazione lirica in Italia, il Teatro Comunale di Bologna.

“Certo, è qualcosa di speciale, ma all’orchestra il mio sesso non importa, perché al momento abbiamo un programma molto complicato: suoniamo la musica di Richard Strauss e di Richard Wagner; questo è il repertorio sinfonico migliore al mondo e abbiamo provato per soli 3 giorni", racconta Lyniv ai nostri microfoni.

"Basta con queste vecchie categorie di genere"

Il genere non è un problema per lei, per l’orchestra o per quelli che l’hanno scelta. Il talento e la passione per il lavoro sono i soli aspetti che contano. “Volevamo, dopo un decennio molto bello in cui siamo cresciuti veramente insieme al precedente direttore musicale, il giovane Italiano Michele Mariotti, fare un salto, andare su un altro rapporto e, quindi, su un direttore mitteleuropeo, di area tedesca nella più ampia accezione", spiega Fulvio Macciardi, sovrintendente del Teatro Comunale di Bologna.

Questo palco è la cornice ideale per il debutto di Oksana Lyniv al Teatro Comunale di Bologna. Ne ha fatta di strada la ragazzina che a 16 anni diresse il suo primo concerto, in Ucraina, e che ora è diventata la prima donna direttrice musicale di una Fondazione lirica in Italia. “Dobbiamo smetterla di pensare con queste vecchie categorie di genere, dobbiamo concentrarci sulla nostra individualità, migliorarci nella nostra professione e migliorare i nostri talenti", le parole della direttrice d'orchestra. 

Un messaggio per tutti coloro, sia uomini che donne, che vogliono avere successo nella loro carriera.