EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Nuova serie di documentari demolisce Woody Allen

Nuova serie di documentari demolisce Woody Allen
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il canale americano HBO realizza una serie di documentari che riaprono il caso, ma è è solo la versione di Mia Farrow ad essere raccontata e Allen torna ad essere accusato di pedofilia

PUBBLICITÀ

Una nuova serie di documentari prodotti dall'americana HBO torna a rimestare nel torbido di una delle relazioni più mediatizzate d^'America quella fra il regista Woody Allen e l'ex moglie Mia farrow. Malgrado le promesse di equanimità però, il documentario colpisce in una sola direzione. Uno solo il colpevole: Woody Allen.

Nel 1991 l'umo avvia una relazione con Soon-Yi, allora molto giovane e adottata da Mia in un precedente matrimonio. Farrow lo scopre e l’anno dopo, lo accusa di aver molestato sessualmente Dylan, la bambina, di appena sette anni che avevano adottato insieme.

Poco importa che siano passati 30 anni e Allen stia ancora insieme a Soon Yi, i due hanno rifiutato ogni intervista e uno dei registi di quest'opera di demolizione se ne rammarica.

"Sarebbe meraviglioso ascoltare la sua versione della storia e inserirla nella serie. Ma ancora una volta, non sorprende che abbia detto di no perché dice di no a tutte le interviste".

In realtà le accuse sono tutte indiziarie, Allen non è mai stato condannato e nella sua biografia ha cercato di spiegare il suo punto di vista, ma il tribunale dell'opinione pubblica ha invece un'idea diversa. Gli rescindono i contratti, ha sempre più difficoltà a produrre e distribuire film. Solo la notorietà mondiale, soprattutto in Europa, gli ha permesso di continuare a fare il suo lavoro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

European Film Awards: dominio di "Anatomia di una caduta"

Wim Wenders premiato al Festival Lumière di Lione

L'attore Michael Gambon, Silente in Harry Potter, è morto