EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Comporre e dirigere: i due mondi di Esa-Pekka Salonen

In collaborazione con
Comporre e dirigere: i due mondi di Esa-Pekka Salonen
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il musicista finlandese spiega le differenze tra la scrittura di un pezzo e la direzione di un'orchestra

Esa-Pekka Salonen divide il suo tempo tra conduzione e composizione, due mondi molto diversi. Il suo ultimo lavoro, presentato in anteprima a Chicago all’inizio dell’anno, è stato composto per il violoncellista Yo-Yo Ma, suo amico di vecchia data.

“Tutti i miei concerti sono scritti per degli amici – dice Salonen -. Pensare alla personalità del solista è stimolante e divertente, rende il lavoro meno solitario. Perché comporre è questo: sei seduto in una stanza, non vedi nessuno e non parli con nessuno. Quindi l’idea di comunicare con un amico, almeno mentalmente, è terapeutica“.

“Comporre è come una combustione lenta. E’ una maratona, l’opposto dei 100 metri. E’ un’esperienza solitaria e a volte incredibilmente frustrante perché i giorni passano e hai l’impressione di non stare andando da nessuna parte. E poi ci sono le pause necessarie, periodi di fermentazione in cui sai di non doverti sedere a scrivere perché devi prima elaborare il tutto“.

“Dirigere un’orchestra invece è un’attività prettamente sociale. Comunico con cento persone con l’obiettivo di riuscire ad armonizzare il loro lavoro. Quando poi torno nel mio studio, la differenza tra questa intensa esperienza collettiva e la solitidine della composizione è enorme. A volte è difficile abituarsi“.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Esa-Pekka Salonen e un concerto per violoncello diabolicamente intricato

Hankyeol Yoon ha vinto l'edizione 2023 del Premio Herbert von Karajan

Al Festival di Salisburgo un concorso unico per aspiranti direttori d'orchestra