EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Cosa sta facendo Bruxelles per garantire l'assistenza a lungo termine agli anziani?

In collaborazione con The European Commission
Cosa sta facendo Bruxelles per garantire l'assistenza a lungo termine agli anziani?
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Fanny Gauret
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Con l'invecchiamento della popolazione servono sempre più operatori per l'assistenza a lungo termine. In Slovacchia è stato avviato un progetto pilota, finanziato dall'Ue, per permettere agli anziani di restare nelle loro case il più a lungo possibile

Con l'invecchiamento della popolazione in Europa servono sempre più operatori per l'assistenza a lungo termine. A Banska Stiavnica, in Slovacchia, è stato avviato un progetto pilota per permettere agli anziani di restare nelle loro case il più a lungo possibile. In questa regione della Slovacchia l'accesso a cure e servizi di qualità per gli anziani non è sempre possibile a causa della mancanza di fondi e di personale. 

Lucia è una badante: ha la fortuna di potersi occupare di sua nonna Eva come parte del suo lavoro. "Il mio lavoro consiste nell'aiutare mia nonna nelle pulizie, a fare la spesa e a fare la doccia", dice Lucia. Nel 2019 la spesa pubblica per l'assistenza professionale a lungo termine in Europa rappresentava solo l'1,7% del pil. A causa dei costi, molto spesso è la famiglia a farsi carico dell'assistenza.

Da quando ha perso il marito, Eva vive da sola e la sua pensione non copre tutte le necessità. Per questo la sua famiglia la aiuta anche finanziariamente. "Non ho potuto andare in una casa di riposo perché la mia pensione è troppo bassa per coprire i costi", dice Eva, che vuole continuare a vivere a casa sua finché le condizioni di salute glielo consentiranno.

Le proiezioni mostrano che in Slovacchia il numero di persone che necessitano di assistenza a lungo termine aumenterà di oltre il 50% entro il 2070. Si tratta di un aumento doppio rispetto alla media dell'Unione Europea (25%).

La domanda di assistenza in Europa è destinata a crescere con l'aumento dell'età media della popolazione. Ci sono già 6 milioni di persone che lavorano nel settore. Entro il 2050 serviranno 1,6 milioni di nuovi addetti all'assistenza. Attualmente una parte significativa dell'assistenza è informale e non retribuita: 52 milioni di europei - familiari, amici e vicini di casa - offrono assistenza alle persone senza retribuzione.

Nel frattempo, i professionisti dell'assistenza - il 90% dei quali sono donne - devono spesso fare i conti con condizioni di lavoro precarie. La recente Strategia europea per l'assistenza incoraggia i Paesi membri a investire di più nell'assistenza, a creare nuovi posti di lavoro e a rendere l'assistenza più accessibile, economica e di qualità.

Entro il 2027, un totale di 6,7 miliardi di euro dovrebbe essere investito nell'assistenza sanitaria e a lungo termine negli Stati membri dell'Unione europea attraverso il Fondo Sociale Europeo Plus (FSE+).

Creare una rete di Comuni per accumulare più fondi

Mária vive da sola, non gode di buona salute e ha spesso bisogno di andare dal medico. Da circa un anno è assistita da un centro di servizi sociali locale, uno dei progetti sostenuti dal Fondo sociale europeo Plus. L'ambizione è quella di riunire i Comuni e gli operatori sociali e sanitari per offrire più servizi agli anziani. Maria beneficia di assistenza per i trasporti essenziali e di un sistema di monitoraggio a domicilio.

Pavel Červienka gestisce il progetto sul campo. "Ci è venuta l'idea di collegare i comuni in microregioni - dice Červienka - in modo da accumulare più fondi e poter pagare un numero sufficiente di assistenti. E magari motivare le persone a iniziare a svolgere un lavoro sociale".

Servono più assistenti e sostegno ai familiari

Con la carenza di personale e la crescente pressione sulle finanze pubbliche, Bruxelles ha adottato una strategia per migliorare le condizioni di lavoro degli assistenti e consentire agli anziani di invecchiare con dignità. Ma quali sono le principali sfide dell'assistenza a lungo termine in Europa? L'abbiamo chiesto a Ivailo Kalfin, direttore della Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.

"Le sfide sono molte, è difficile riassumerle, ma forse quella più grande è l'accesso ai servizi di assistenza a lungo termine - dice Kalfin -. Ci sono molte persone che non hanno un accesso adeguato all'assistenza a lungo termine. Il problema più evidente è la carenza di assistenti. Con una popolazione che invecchia in Europa c'è sempre più bisogno di personale per l'assistenza. Ci sono sempre meno badanti, non ci sono abbastanza giovani nel settore dell'assistenza. Se non interveniamo, le prospettive sono cupe".

Come si possono attirare più persone in questo settore? "È un'ottima domanda ed è per questo che la Commissione presenterà una strategia per l'assistenza a lungo termine - dice Kalfin -.Ovviamente dobbiamo parlare di stipendi, perché i lavoratori dell'assistenza sono sottopagati. Ma non si tratta solo degli stipendi. C'è una serie di supporti aggiuntivi che potrebbero essere forniti agli operatori, ad esempio un maggiore sostegno alla salute mentale, perché lavorano in condizioni difficili. Anche la formazione è molto importante, perché il cambiamento tecnologico potrebbe aiutare, ma potrebbe essere un ostacolo. Quindi è molto importante che queste persone siano aggiornate. Molti di loro sono chiamati con un breve preavviso, quindi devono essere sempre disponibili, ma devono anche avere il tempo di riposare e rilassarsi, prima di tornare al lavoro.

Come si possono sostenere concretamente i familiari che si prendono cura dei propri cari? "È ancora più difficile sostenerli rispetto a coloro che lo fanno per lavoro - dice Kalfin -. La maggior parte di questi assistenti informali sono donne e le donne tendono a svolgere lavori pagati di meno e più precari. Questo è uno stigma che dura da molti anni. Molte delle persone che si prendono cura di anziani o disabili a casa, non possono andare a lavorare. In pratica è questo il loro lavoro, quindi hanno un reddito molto basso. Se vogliamo garantirgli una qualità di vita decente, devono avere il sostegno del sistema sociale".

Condividi questo articolo