Commissione UE: il Pil italiano crollerà del 9,5% quest'anno, quello europeo del 7,7%

Commissione UE: il Pil italiano crollerà del 9,5% quest'anno, quello europeo del 7,7%
Diritti d'autore AP Photo/Antonio Calanni
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

PIL italiano in caduta libera nel 2020 (-9,5%) e parziale ripresa l'anno prossimo (+6,5%). Più contenuto il calo medio europeo per i tecnici della Commissione UE (-7,7%)

PUBBLICITÀ

E' L'Italia a subire il massimo impatto dalla pandemia: lo confermano anche le stime tecniche della Commissione europea, che vedono le economie dell'UE in calo mediamente del 7,7%, e in Italia sarà -9,5% quest'anno. Peggio solo la Grecia (-10%), ma per Atene la base di partenza è ben diversa e le ragioni sono anche altre.

I tecnici della Commissione parlano di "recessione di portata storica" e di "economia in stato di ibernazione".

"I dati in tempo reale - si legge nel rapporto di primavera - indicano che l'attività economica in Europa è crollata a una velocità inedita nelle ultime settimane, e le misure di contenimento messe in campo dai Paesi membri a metà marzo per rispondere alla crisi hanno messo l'economia in uno stato di ibernazione".

"Vista la gravità di questo shock a livello mondiale senza precedenti, è ora abbastanza chiaro che l'Ue sia entrata nella più profonda recessione economica della sua storia".

Per l'Italia è previsto poi un rimbalzo del 6,5% nel 2021.

Pesanti anche i dati della disoccupazione, che dovrebbe subire un incremento quest'anno di oltre due punti percentuali per poi riportarsi nel 2021 poco al di sopra del 10%, cioè sui livelli attuali.

Un paio di settimane fa erano state pubblicate le stime del Fondo Monetario Internazionale, che prevedeva un calo del PIL mondiale intorno al 3% e del 9,1% per quello italiano. E se le stime dell'FMI sull'Italia per il 2020 prevedono un calo relativamente più contenuto, lo stesso vale per il rimbalzo del 2021, che sarebbe solo del 4,8%, contro il 6,5 previsto dall'UE. Stime, ad ogni modo, che richiedono la massima cautela e che dipendono in buona parte dalla previsioni di durata della pandemia e dalle misure di contenimento che potrebbero - o meno - essere adottate in caso di nuove ondate.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cosa blocca il Decreto Rilancio?

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia

Dove in Europa la ricchezza è distribuita in modo più iniquo?