GB, nuove regole per la "Gig Economy"

GB, nuove regole per la "Gig Economy"
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
PUBBLICITÀ

Non avete il tanto ambito posto fisso? Non importa. In compenso potete sentirvi parte integrante della cosiddetta Gig Economy che in Inghilterra e con tanto di report firmato dalla Primo Ministro Theresa May, viene regolata e diventa uno status apposito per i lavoratori del settore on demand con ferie pagate, paghe minime e poteri piu’ equilibrati tra lavoratore e azienda in caso di dibattimento legale.

Theresa May, premier britannica
“Mentre evitiamo una regolamentazione stravagante, faremo in modo che le persone abbiano i diritti e le protezioni di cui hanno bisogno, il che significa alzare il nostro tasso di occupazione, e creare posti di lavoro”.

Il Governo Britannico ha affidato il report a Matthew Taylor, capo della Reale Società per l’incoraggiamento alle arti, manufatture e commercio. Le nuove tecnologie, vedi ad esempio Uber, continua il documento, impatteranno sul mondo del lavoro e sulle tipologie di impiego e “sarà necessario adattarsi.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'impatto degli attacchi ucraini sulle raffinerie di petrolio della Russia

Dove in Europa la ricchezza è distribuita in modo più iniquo?

Atterraggio morbido per l'economia italiana: ecco perché l'inflazione in Italia è più bassa