EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

FMI: nel 2016 la crescita mondiale si fermerà al 3,1%

FMI: nel 2016 la crescita mondiale si fermerà al 3,1%
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Fondo Monetario Internazionale conferma: l’economia globale rallenta e la crescita nel 2016 si fermerà al 3,1%.

PUBBLICITÀ

Il Fondo Monetario Internazionale conferma: l’economia globale rallenta e la crescita nel 2016 si fermerà al 3,1%. Stesso trend per gli Stati Uniti. Secondo l’FMI il PIL americano si attesterà all’1,6%. A pesare sull’economia degli Stati Uniti, l’incognita Trump.

Meglio invece Eurolandia il cui PIL nel 2016 crescerà dell’1,7%. Nel 2017 invece saranno gli Stati Uniti a crescere più dell’Europa.

A fare da ostacolo alla ripresa, secondo l’FMI, le politiche protezionistiche e l’ascesa di movimenti populisti.

“La crescita – spiega Maurice Obstfeld dell’FMI – è stata troppo bassa per troppi anni. In molti Paesi i benefici hanno riguardato troppe poche persone e le ripercussioni politiche potrebbero deprimere ulteriormente la crescita globale. La Brexit è solo un esempio di questa tendenza”.

Per il 2016 l’FMI ha rivisto al rialzo la crescita del Regno Unito. La previsione è all’1,8% (lo 0,1% in più di quanto previsto a luglio). Ma per il prossimo anno, quando inizierà il processo di distaccamento dall’Unione europea, il PIL britannico aumenterà solo dell’1,1%.

Le cifre dell’FMI arrivano nel giorno in cui la sterlina affonda ai minimi degli ultimi trenta anni contro il dollaro proprio per i timori legati alla Brexit.

Per quanto riguarda l’Italia le notizie non sono positive. Fanalino di coda dell’Europa, la crescita nel 2016 si fermerà allo 0,8% mentre per il prossimo anno la ripresa si toccherà lo 0,9%. Un dato decisamente inferiore rispetto all’1,5% previsto per l’area Euro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Brexit spina nel fianco della crescita, l'Fmi abbassa le stime

Elezioni Francia, cosa cambia per l'economia se vince il Rassemblement national?

Dove è più costoso costruire appartamenti in Europa?