EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Osborne sulla Brexit: "Ci aspettano tempi duri ma sapremo affrontarli"

Osborne sulla Brexit: "Ci aspettano tempi duri ma sapremo affrontarli"
Diritti d'autore 
Di Diego Giuliani
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Cancelliere dello Scacchiere britannico rompe il silenzio. All'alba una conferenza stampa per rassicurare i mercati

PUBBLICITÀ

“Ci attendono prolungata volatilità sui mercati e mesi di incertezza economica, ma siamo attrezzati per affrontarle”. Panico sulla City ed effetto Brexit sulle piazze finanziarie inducono il Cancelliere dello Scacchiere britannico George Osborne a rompere il silenzio e rassicurare i mercati con un inedito intervento prima della loro apertura.

I want to reassure British people and the world: UK ready to confront what future holds from a position of strength https://t.co/s9bNmzPmap

— George Osborne (@George_Osborne) 27 giugno 2016

“Dal referendum i mercati non si attendevano forse questo risultato – ha detto Osborne nel corso di una conferenza stampa convocata alle 7 del mattino -. Il Ministero del Tesoro, la Banca d’Inghilterra e l’autority che regola i mercati finanziari avevano però trascorso gli ultimi mesi ad approntare una serie strategie, volte proprio a contrastare le possibili ricadute di un simile scenario. Nelle ultime settimane ci siamo poi adoperati per accertarci che le principali istituzioni finanziarie fossero in grado di gestire le ripercussioni di un simile voto”.

In un Tweet del New York Times il testo integrale del suo intervento.

Text of statement by George Osborne, chancellor of Exchequer, on ‘Brexit’ https://t.co/rY6IfJG8vfpic.twitter.com/oB3hpLnKf1

— New York Times World (@nytimesworld) June 27, 2016

L’Europa vede rosso e la Sterlina affonda: mercati ancora in difficoltà

Limitato, però, l’effetto balsamo sui mercati, che in mattinata hanno faticato a rialzare la testa dopo il profondo rosso con cui venerdì avevano incassato i risultati del referendum.

“Si è certo registrato un certo effetto di contagio sui mercati internazionali – ammette Mike Ingram, analista presso BCG Partners Market -. Non credo tuttavia che ci si azzardi a interpretarlo come sintomo di una crisi del sistema finanziario nel suo complesso. Si è infatti lavorato sodo, proprio per incrementarne la tenuta. Come George Osborne ha sottolineato appena stamane, le banche britanniche vantano poi oggi riserve di capitale pari a circa dieci volte quelle del 2007, 2008”.

Bank shares today https://t.co/HWAPEQxQ76pic.twitter.com/IWclJRObdm

— Bloomberg (@business) 27 giugno 2016

Proprio il comparto bancario è tra quelli che però più sembrano accusare il colpo, mentre il pompiere Osborne poco può contro la picchiata della Sterlina: a metà giornata in forte difficoltà sull’euro e sul dollaro ancora più giù dei minimi da 31 anni toccati venerdì.

Pound falls below $1.32 for first time since 1985 as #Brexit turmoil deepens https://t.co/HWAPEQxQ76pic.twitter.com/liBlxJZeAl

— Bloomberg (@business) 27 giugno 2016

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il sentimento economico per la Germania scende più del previsto: ripresa a rischio?

Elezioni Francia, cosa cambia per l'economia se vince il Rassemblement national?

Dove è più costoso costruire appartamenti in Europa?