Soldato Usa riconosce genitori in una foto del '54 di Trieste

Una storia rispolverata dal periodico inglese InTrieste
Una storia rispolverata dal periodico inglese InTrieste
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 26 DIC - Un soldato statunitense, figlio di un militare americano e di una donna triestina, riconosce i genitori in uno splendido scatto del 1954 del fotografo Ugo Borsatti alla stazione di Trieste e dopo 40 anni arriva nel capoluogo giuliano per il fotografo e sincerarsi di quell'avvenimento. La storia rimbalzò in città per qualche giorno, poi finì nel dimenticatoio, a rispolverarla oggi è un trimestrale in lingua inglese, "InTrieste", che ha intervistato il figlio della coppia, Christopher Swaim. Il giovane James Swain è arruolato nelle fila dell'US Army in Italia. A Trieste, conosce Graziella, che per guadagnare qualche spicciolo fa il bucato per i militari Usa. Si innamorano ma la relazione dura poco: nel 1954 l'Us Army di stanza a Trieste, nove anni dopo la fine della Seconda Guerra mondiale, lascia la città. Graziella va alla stazione per dare l'addio al soldato. Sorprendentemente James e Graziella non si sarebbero perduti, anzi, riallacciati i rapporti, si sarebbero sposati nel novembre dello stesso anno, a Livorno, e, dopo varie traversie, sarebbero andati a vivere negli Stati Uniti. A raccontarlo nell'articolo è Christopher che nacque nel 1956. Arruolatosi - anche lui - nell'esercito Usa, fu destinato a Vicenza e, scoperta l'esistenza della foto, nel 1994 giunse a Trieste per conoscere Borsatti. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Germania, un 17enne entra con un coltello in un liceo: quattro feriti, due gravi

Romania, la coalizione di governo sovrappone le elezioni locali alle europee

In Ucraina mancano i soldati volontari, le truppe al fronte sono esauste