L'Ucraina abbatte tre cacciabombardieri russi in un solo giorno

cacciabombardieri
cacciabombardieri Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews Agenzie:  AFP
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le forze di Kiev hanno fatto saper di aver abbattuto tre cacciabombardieri russi in un solo giorno. Il Paese si preparata, intanto, a celebrare il Natale il 25 dicembre per la prima volta dal 1917

PUBBLICITÀ

L'aeronautica ucraina venerdì ha fatto sapere di aver abbattuto tre cacciabombardieri russi Sukhoi Su-34 nel sud del Paese, mentre il presidente Volodymyr Zelensky ha detto che è accaduto nella regione di Kherson, dove infuriano i combattimenti.

"A mezzogiorno di oggi, tre cacciabombardieri russi Su-34 sono stati abbattuti nella zona operativa meridionale", lo ha annunciato su Telegram il comandante dell'aeronautica ucraina, Mykola Olechtchouk.

Zelensky: "Nessun pilota russo resterà impunito"

Nel suo discorso di venerdì sera, Zelenskyy ha specificato che questi jet sono stati abbattuti da missili, e ha detto di essere "grato ai nostri soldati che hanno distrutto tre aerei Sukhoi russi in una volta sola, nella nostra regione di Kherson". "Facciamo sapere a tutti i piloti russi la nostra risposta a tutti i killer russi: nessuno di loro resterà impunito", ha aggiunto Zelensky.

L'aeronautica militare non ha detto cosa sia successo ai piloti degli aerei. Le autorità russe non hanno confermato immediatamente l'incidente, ma il blog militare russo Fighterbomber ha parlato di "perdite in combattimento" causate dal sistema di difesa antiaerea Patriot fornito dagli Stati Uniti.

Cosa sono i cacciabombardieri Su-34

Il Sukhoi Su-34 è il più avanzato cacciabombardiere supersonico biposto a medio raggio della Russia. In servizio dal 2014, Mosca lo ha impiegato soprattutto in missioni di bombardamento in Siria e Ucraina.

In Ucraina tutto pronto per il primo Natale del 25 dicembre dal 1917

Per la prima volta dal 1917, l'Ucraina festeggerà quest'anno il Natale il 25 dicembre, un cambio di data rispetto al 7 gennaio - giorno di Natale nelcalendario giuliano utilizzato  in Russia e dalle altre comunità ortodosse - che rappresenta l'ultimo tentativo di sradicare l'influenza di Mosca nel  Paese invaso. A luglio scorso, il presidente Zelensky ha promulgato un disegno di legge per spostare ufficialmente il giorno di Natale, con l'obiettivo di "abbandonare l'eredità russa di imporre le celebrazioni natalizie il 7 gennaio", si leggeva in una nota esplicativa del ddl sul sito web del parlamento di Kiev. 

Il passaggio al 25 dicembre fa parte di un più ampioprocesso nazionale di smantellamento dei simboli della Russia, dell'Unione Sovietica e del comunismo, iniziato nel 2014 quando Putin ha annesso la penisola della Crimea e ha dato il via a una rivolta pro-Mosca nella regione orientale del Donbass.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Ucraina festeggia il Natale ortodosso il 25 dicembre: è la prima volta dal 1917

Ucraina: manifestazioni nelle città europee per i due anni dall'inizio della guerra

Ucraina, Zelensky: "Putin può perdere questa guerra"