EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

"Global Cybersecurity Forum": evitare una catastrofe informatica e proteggere i bambini

"Global Cybersecurity Forum": evitare una catastrofe informatica e proteggere i bambini
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Jane Witherspoon da Riad (Arabia Saudita) - Edizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'evento, tenutosi a Riad (Arabia Saudita), ha confermato la cooperazione internazionale tra molti Paesi in materia di sicurezza informatica. La preoccupazione principale? L'86% dei leader aziendali teme un evento informativo catastrofico entro i prossimi due anni

  • Luogo: Riad (Arabia Saudita)
  • Data: 1-2 novembre 2023
  • Argomento: La terza edizione del "Global Cybersecurity Forum"
  • Storia: Leader mondiali e aziende riuniti insieme per discutere e agire nella lotta contro la criminalità informatica e per la protezione dei soggetti più vulnerabili: i bambini

Le priorità per la sicurezza nel Cyberspazio

PUBBLICITÀ

RIAD (ARABIA SAUDITA) - Il 3° "Global Cybersecurity Forum" di Riad ha riunito leader mondiali e aziende per discutere e agire nella lotta contro la criminalità informatica.

Con il tema principale “Charting Shared Priorities in Cyberspace" ("Tracciare priorità condivise nel Cyberspazio”), l’evento ha incoraggiato il dialogo e supportato coloro che lavorano per la stabilità informatica.

“Abbiamo un nemico comune e il nemico sono le fake news. Dobbiamo attaccarlo ed eliminarlo dal cyberspazio. E questo è qualcosa di cui dobbiamo prenderci cura e assumerne la responsabilità per tutta l'umanità", ha detto a Euronews Margarete Schramböck, ex ministro austriaco per gli Affari digitali ed economici.

Margarete Schramböck, ex ministro austriaco per gli Affari digitali ed economici.
Margarete Schramböck, ex ministro austriaco per gli Affari digitali ed economici.Euronews

Rischio di un evento informatico catastrofico

Secondo il World Economic Forum, l’86% dei leader aziendali teme un evento informatico catastrofico nei prossimi due anni. E questi timori sussistono proprio mentre un rapporto dellInterpol classifica la criminalità informatica come una delle cinque principali minacce in crescita a livello globale.

“Per noi, la minaccia più grande è rappresentata dagli attacchi ransomware. Sono continuati a crescere negli ultimi tre anni. Abbiamo assistito a un enorme aumento del numero di attacchi in corso a livello globale, non solo contro le grandi imprese, ma stiamo osservando attacchi anche contro piccole e medie imprese, assistenza sanitaria, sistemi educativi e infrastrutture critiche", afferma Bernardo Pillot, vicedirettore delle operazioni sulla criminalità informatica e della gestione delle minacce dell'Interpol.

Bernardo Pillot, vicedirettore delle operazioni sulla criminalità informatica e della gestione delle minacce dell'Interpol.
Bernardo Pillot, vicedirettore delle operazioni sulla criminalità informatica e della gestione delle minacce dell'Interpol.Euronews

Secondo Cybersecurity Ventures, a livello globale, la criminalità informatica costerà alle vittime circa 7.600 miliardi di euro entro la fine dell’anno.

La collaborazione e l’unificazione dei leader e delle imprese mondiali sono state un punto di discussione per un appello all’azione contro le minacce informatiche imminenti.

"Non vedo più cooperazione come prima"

L'ex presidente della Commissione europea ed ex primo ministro del Portogallo, José Manuel Barroso, ha dichiarato:
"Quando ero presidente della Commissione ho partecipato al vertice del G20 dal 2008 al 2014. Nonostante tutte le differenze in quel momento, c'era, nel complesso, una buona cooperazione tra Stati Uniti, Cina, Unione europea. Non direi che oggi sia più così. Abbiamo visto il livello di cooperazione, e la sincerità nella cooperazione globale, diminuire in maniera molto evidente”.

José Manuel Barroso, durante l'intervista con Jane Witherspoon.
José Manuel Barroso, durante l'intervista con Jane Witherspoon.Euronews

Intelligenza Artificiale applicata al crimine

Alcune delle minacce più gravi nel mondo cibernetico sono quelle contro i bambini. WeProtect Global Alliance è un'organizzazione che combatte lo sfruttamento sessuale e gli abusi online dei minori.

Il Direttore esecutivo Iain Drennan afferma:
"I pericoli sono aumentati notevolmente negli ultimi due anni. Il mese scorso abbiamo pubblicato una valutazione della minaccia globale, che ha mostrato un aumento dell'87%, e purtroppo stiamo anche assistendo a una crescita dell'uso dell'Intelligenza Artificiale al servizio di abusi e, persino, di estorsioni a scopo finanziario”.

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Polonia al primo posto per cybersecurity, ma è tra i Paesi che subiscono più attacchi DDoS