EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Arcigay Friuli, campagna manifesti su abusi e discriminazioni

'Solo 14% di persone Lgbtqia+ denuncia abusi a forze ordine'
'Solo 14% di persone Lgbtqia+ denuncia abusi a forze ordine'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - UDINE, 11 OTT - Dalle aggressioni stradali al mancato riconoscimento della propria genitorialità, dal bullismo omofobico alla violenza ginecologica passando per le paure di chi lascia il proprio paese per poter essere se stesso o di chi perde la fiducia nelle istituzioni dopo aver ricevuto un trattamento discriminatorio. Sono i temi delle otto storie personali raccontate da altrettanti testimonial ritratti nei manifesti di "Facciamo Rumore", la campagna di sensibilizzazione che Arcigay Friuli, attraverso il progetto di accoglienza Villa Carra, lancia in Fvg, focalizzandosi su problematiche specifiche che le persone Lgbtqia+ vivono quotidianamente e invitare le vittime a "non restare in silenzio", a fronte di un dato: solo il 14% di queste persone si rivolge alle forze dell'ordine in caso di violenze o discriminazioni subite. La campagna è stata presentata oggi nella sede municipale di Udine dal presidente di Arcigay Friuli, Luca Vida. Per il Comune di Udine era presente l'assessora alle Pari opportunità, Arianna Facchini. "Si tratta di storie reali con persone reali per spiegare nel concreto di cosa parliamo quando parliamo di discriminazioni e violenze, termini che spesso rimangono troppo astratti", ha spiegato Vida, il quale ha prestato il suo volto per un manifesto. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cuba, in centinaia in fila per salire a bordo della fregata russa in visita a L'Avana

Brindisi: proteste contro il “G7 della guerra”

Elezioni Regno Unito: il ritorno di Nigel Farage, i conservatori perdono voti