EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Grecia, il boom economico dopo anni di profonda crisi

Per anni la Grecia è stata immersa in una profonda crisi economica e sociale
Per anni la Grecia è stata immersa in una profonda crisi economica e sociale Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Dopo gli anni del rigore e della profonda crisi economica e sociale, oggi la Grecia sembra aver ritrovato slancio

PUBBLICITÀ

Dopo anni di profonda crisi economica e sociale, la Grecia presenta oggi dati economici significativamente migliori rispetto alla media dell'Eurozona. Atene punta a mantenere lo slancio  anche se il contesto generale non appare particolarmente favorevole.

"La Grecia ha tutto per fare la differenza in positivo"

Secondo Elias Lekkos, responsabile analisi economica del Gruppo Banca del Pireo, "anche con stime molto prudenti, ci aspettiamo che l'economia greca cresca nel 2023 di almeno il 2,5%. Personalmente ritengo che la crescita sarà vicina al 3%, mentre la media di crescita dell'Eurozona sarà attorno allo 0,5%. La Grecia parte da una situazione difficle, ma ha tutti gli strumenti finanziari e tutte le possibilità per fare la differenza, in positivo, rispetto al resto delle economie dell'Eurozona".

Le recenti elezioni in Grecia hanno portato ad un governo monocolore e che dunque, almeno in linea teorica, dovrebbe garantire stabilità, proseguendo sulla strada delle riforme e del rigore di bilancio. Un fattore che si prevede possa giocare un ruolo decisivo per le principali agenzie di rating internazionali, in vista di un ritorno della Grecia nel club dei Paesi 'credibili' dal punto di vista economico".

La crescita trainata soprattutto dal turismo

Federico Salazar dell'agenzia Fitch, sottolinea che le dinamiche politiche rappresentano "un fattore che osserviamo per tutti i rating. Dobbiamo tenerne conto. Quando guardiamo a molti altri Paesi, anche in Europa, notiamo che molti esecutivi sono sostenuti da coalizioni di partiti. Alcune di esse vacillano, altre sono deboli. Ci sono pochi, pochissimi governi che hanno una solida maggioranza monopartitica, che aiuta a mettere in atto le politiche governative. La Grecia è un esempio in questo senso".

Oggi la Grecia può sfruttare il suo orientamento ai servizi piuttosto che all'industria. Il prezzo più alto, nel corso dell'ultimo decennio, è stato tuttavia pagato dalle fasce più deboli della popolazione, per via di politiche draconiane di rigore economico estremamente dure.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni in Grecia, trionfa il partito conservatore Nuova Democrazia

Le contraddizioni sul naufragio dei migranti in Grecia

L'inchiesta del New York Times sui migranti abbandonati in mare mette nei guai la Grecia