EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Morta dopo liposuzione, assolto il chirurgo a Milano

Gup: "Fatto non costituisce reato". Indagini durate circa 4 anni
Gup: "Fatto non costituisce reato". Indagini durate circa 4 anni
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 28 GIU - È stato assolto Mattia Colli, il medico chirurgo imputato a Milano per omicidio colposo per il caso di una 36enne morta nell'aprile del 2018 per complicanze dovute a una grave infezione insorta dopo un intervento di liposuzione. Il dottore, titolare del 'Centro di chirurgia plastica ed estetica MC' del capoluogo lombardo è stato scagionato al termine del processo con rito abbreviato dal gup Roberto Crepaldi perché "il fatto non costituisce reato". Secondo la ricostruzione la vittima era deceduta in un hospice del Bresciano cinque anni fa, dopo essersi sottoposta, il 5 luglio del 2017, a un intervento di asportazione di parte del tessuto adiposo al quale erano seguiti, secondo la denuncia del compagno, "mesi di agonia" trascorsi prima a Milano e poi in Romania, suo paese d'origine. Poiché le sue condizioni non miglioravano, era stata trasferita alla Fondazione Poliambulanza di Brescia e poi in un hospice di Orzinuovi, dove infine è morta. Nell'inchiesta del pm Luisa Baima Bollone durata circa 4 anni, era stata anche effettuata una complessa consulenza medico-legale. Le motivazioni della sentenza sono attese entro 30 giorni. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, nessun riferimento di Harris alla candidatura presidenziale, ma un elogio all'eredità "ineguagliabile" lasciata da Biden

Le notizie del giorno | 22 luglio - Serale

Striscia di Gaza: raid israeliano su Khan Younis dopo ordine di evacuazione, decine di morti