EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Rissa con pugnalata in spiaggia, 10 anni al trapper Elia17Baby

Per il giudice di Tempio è colpevole di tentato omicidio
Per il giudice di Tempio è colpevole di tentato omicidio
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TEMPIO PAUSANIA, 13 GIU - Dieci anni di reclusione per tentato omicidio sono stati inflitti oggi al trapper romano di 26 anni, Elia17Baby, al secolo Eli Di Genova, riconosciuto colpevole di aver pugnalato alla schiena, la notte del 14 agosto 2022, un sassarese di 35 anni sulla spiaggia di Marinella a Olbia. L'uomo, Fabio Piu, è tutt'oggi su una sedia a rotelle a causa delle lesioni alla spina dorsale. Sia l'imputato che la vittima dell'aggressione erano presenti questa mattina in aula quando il gip del tribunale di Tempio Pausania, Claudio Cozzella, ha letto la sentenza di condanna, più pesante rispetto agli 8 anni sollecitati dalla pm Nadia La Femina. Gli avvocati difensori del trapper hanno già annunciato battaglia: "Faremo appello perché riteniamo la sentenza ingiusta. Il tentato omicidio - spiegano i legali Pietro e Gian Maria Nicotera - è stato riconosciuto nonostante le numerose contraddizioni dei testi". Esulta invece l'avvocato di parte civile Jacopo Merlini: "La sentenza ha recepito tutto quello che dal punto di vista accusatorio avevamo espresso. Anzi si è andati anche oltre la richiesta avanzata dal pubblico ministero". "Per il mio assistito - chiarisce il legale - non è stato facile ripercorrere tutte le tappe del suo calvario che lo accompagnerà per tutta la vita". Dal giorno della pugnalata alla schiena, Piu non cammina più autonomamente e sta affrontando una lunga terapia di riabilitazione. I medici che lo hanno in cura non escludono però che la funzionalità di uno dei due arti inferiori resti compromessa per sempre, costringendo il giovane a passare il resto della sua vita in sedia a rotelle. Elia17Baby si trova agli arresti domiciliari nella sua casa di Roma dal 17 maggio scorso: era stato scarcerato dal giudice Cozzella - subentrato nel processo dopo che la Corte d'appello di Sassari aveva accolto l'istanza di ricusazione del precedente gip avanzata dai difensori - secondo il quale l'imputato in carcere aveva mantenuto un comportamento corretto, compatibile con l'attenuazione della misura cautelare. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Kiev colpisce raffineria russa a Krasnodar, un morto a Belgorod e uno nel Donetsk

Olimpiadi di Parigi 2024, conto alla rovescia: arrivano gli atleti

Usa, nessun riferimento di Harris alla candidatura presidenziale, ma un elogio all'eredità "ineguagliabile" lasciata da Biden