EventsEventiPodcast
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Consiglio di Sicurezza Onu, la Serbia ribadisce: "Non riconosceremo mai l'indipendenza del Kosovo"

Ivic Dačić, ministro degli Esteri serbo, alle Nazioni Unite. (New York, 27.4.2023)
Ivic Dačić, ministro degli Esteri serbo, alle Nazioni Unite. (New York, 27.4.2023) Diritti d'autore Eurovision
Diritti d'autore Eurovision
Di Cristiano TassinariEuronews - AnsaMed Agenzie:  AnsaMed
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tensioni alle stelle tra Belgrado e Pristina per le elezioni nel nord del Kosovo e per le dichiarazioni della ministra kosovara Donika Gervalla: "Vučić e Dačić criminali di guerra"

PUBBLICITÀ

Intervenendo alla sessione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu a New York, il ministro degli Esteri serbo Ivica Dačić ha confermato che la Serbia non farà concessioni sulla questione del riconoscimento dell'indipendenza del Kosovo. 

Di fatto: nessun riconoscimento serbo del Kosovo.

L'intervento di Ivica Dačić all'Onu: 

"Voglio affermare chiaramente, qui al quartier generale delle Nazioni Unite, che la Serbia non riconoscerà mai l'indipendenza dichiarata unilateralmente del Kosovo, né accetterà mai che il Kosovo diventi membro delle Nazioni Unite".
Ivica Dačić
57 anni, ministro degli Esteri - Serbia

Dopo le manifestazioni popolari in Serbia, in marzo, contro il piano dell'Unione europea per il Kosovo, il "No" serbo è stato ribadito dopo una nuova escalation di tensioni, causata dalle elezioni di domenica scorsa in quattro municipi del nord del Kosovo, boicottate dalla maggioranza serba locale, e che hanno portato alla vittoria dei candidati della comunità albanese.

Dichiarazioni esplosive della ministra kosovara Donika Gervalla

Nel frattempo, la ministra degli Esteri kosovara, Donika Gervalla, ha apertamente criticato l'attività della missione Onu in Kosovo (Unmik), affermando che il 90% del contenuto del suo ultimo rapporto periodico non risponde al vero.

Parlando alla seduta del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, dedicata all'esame di tale rapporto semestrale, la ministra del Kosovo ha al tempo stesso accusato la Serbia di "stretta collaborazione con la Russia".

"La missione Onu Unmik è diventata un fattore destabilizzante nella regione, e questo rapporto lo dimostra", ha Donika Gervalla, che ha denunciato l'assenza nel documento della presunta presenza in Kosovo della brigata di mercenari russi Wagner, affermando che "l'alleanza tra Russia e Serbia destabilizza l'intera regione".

Pristina, ha detto, "è al fianco dell'Ucraina", mentre la Serbia "appoggia il genocidio di guerra in Ucraina".

Gervalla ha poi accusato il ministro degli Esteri serbo Ivica Dačić, presente alla seduta del Consiglio di Sicurezza, di essere "responsabile di crimini di guerra".

"Ivica Dačić è responsabile di crimini di guerra, uccisioni di massa e stupri, quale mezzo di guerra, e per questo deve comparire davanti a un tribunale per crimini di guerra".
Donika Gervalla
51 anni, ministra degli Esteri - Kosovo

La ministra del Kosovo ha ripetuto queste frasi in tre lingue: inglese, albanese e serbo.

A suo dire, Dačić e il presidente serbo Aleksandar Vučićstati "collaboratori del macellaio dei Balcani Slobodan Milosevic", responsabile della "guerre serbe".

Ed entrambi, ha aggiunto, auspicano una "Europa ispirata da Mosca".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Belgrado, fiori e candele fuori dalla scuola Vladislav Ribnikar per le vittime della sparatoria

Kosovo: al via processo a ex presidente Thaci per crimini guerra e contro l'umanità

Bosnia: leader del territorio serbo minaccia la secessione prima del voto su Giornata della memoria