EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Parigi, attivisti contro la moglie del vice ministro della Difesa russo: "Aggira le sanzioni"

Image
Image Diritti d'autore BERTRAND GUAY/AFP or licensors
Diritti d'autore BERTRAND GUAY/AFP or licensors
Di Michela Morsa
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Decine di attivisti anti-Cremlino si sono radunati fuori dall'abitazione parigina di Svetlana Maniovich, ex moglie del vice ministro della Difesa russo Timur Ivanov, per chiedere che le venga vietato di vivere in Francia e che i suoi beni vengano congelati

PUBBLICITÀ

Svetlana Maniovich, ex moglie del vice ministro della Difesa russo Timur Ivanov, vive a Parigi dal marzo del 2022, dove conduce una vita serena e lussuosa. Domenica diverse decine di attivisti, coordinati dal teamdi Alex Navalny, il dissidente russo ormai in carcere dall'inizio del 2021, si sono radunati per protestare davanti alla sua presunta abitazione, nel settimo arrondissement della capitale francese.  

Cartelli e striscioni alla mano, i contestatori hanno chiesto che a Maniovich venga vietato di vivere in Europa e che i suoi beni vengano sequestrati. Anche perché, sostengono alcuni collaboratori di Navalny, Ivanov avrebbe divorziato dalla moglie la scorsa estate solo formalmente, per proteggerla dalle sanzioni. 

Prima del divorzio, Maniovich ha cambiato il suo cognome in Ivanova e il vice ministro della Difesa rimane la sua unica fonte di sostegno finanziario, hanno detto gli attivisti.

"Ruba in Russia. Uccide in Ucraina. Moglie in Francia", recitava un cartellone tra i diversi esposti durante la manifestazione. "Questa è la famiglia di un criminale di guerra", ha dichiarato all'Afp Maria Pevchikh, un'importante collaboratrice di Navalny. "Dovrebbero affrontare la giustizia e una sorta di punizione per quello che stanno facendo".

Lo scorso dicembre il team di Navalny ha pubblicato un'indagine, basata su migliaia di email di Maniovich, secondo la quale per anni la famiglia di Ivanov ha goduto di una vita di lusso in Europa con vacanze a Saint-Tropez, Rolls-Royce e gioielli esclusivi. Dopo l'inizio della guerra, la moglie di Ivanov si è recata in Francia e nel giugno 2022 la coppia ha "divorziato". Ma Ivanov e Maniovich, che stanno crescendo insieme una figlia piccola, non hanno annunciato pubblicamente la loro separazione.

Dopo l'invasione dell'Ucraina, Ivanov ha iniziato a supervisionare - e a trarre profitto -  progetti  edili nella città ucraina di Mariupol, caduta sotto il controllo di Mosca dopo un assedio durato mesi. Lo scorso ottobre, l'Unione europea ha quindi introdotto sanzioni contro Ivanov, descrivendolo come l'alto funzionario del ministero della Difesa responsabile della costruzione di strutture militari. "È responsabile dello sforzo bellico russo in generale", ha dichiarato l'Unione. 

Ma le sanzioni non hanno colpito Maniovich. Il fatto che abbia potuto aggirare le misure punitive dell'Unione europea è "oltraggioso e ingiusto", ha detto Pevchikh, indicando "un livello di corruzione pazzesco che ora si combina con i crimini di guerra". Per settimane, il team di Navalny ha fatto pressioni sulle autorità francesi, ma non ha ricevuto alcuna risposta.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Russia, i reali impatti delle sanzioni occidentali

L'Ue minaccia Minsk di ulteriori sanzioni se ospitasse armi nucleari russe

Guerra in Ucraina: entrata in vigore la legge sulla mobilitazione, cosa prevede