EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Poche vocazioni, a Milano seminaristi nelle parrocchie

L'annuncio dell'arcivescovo alla messa crismale
L'annuncio dell'arcivescovo alla messa crismale
Diritti d'autore 
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 06 APR - Cambia il seminario nella diocesi ambrosiana: al termine della messa crismale l'arcivescovo di Milano Mario Delpini ha annunciato che considerando il numero ridotto di ingressi e per "affinare" la formazione, in via sperimentale, per un triennio, da settembre ci sarà una "rimodulazione" che prevede che il terzo anno "sarà vissuto abitando nelle parrocchie a piccoli gruppi di seminaristi e frequentando quotidianamente il Seminario per le lezioni e i momenti formativi", più a contatto quindi con la vita ordinaria delle comunità parrocchiali e con le varie componenti del popolo di Dio. Un'altra novità riguarda gli spazi del seminario, che non saranno più distinti fra il biennio e il quadriennio. Tutti gli studenti saranno tutti negli spazi attualmente occupati dai seminaristi dei primi due anni. E inoltre la "vestizione" clericale, che ora avviene all'inizio del terzo anno di Seminario, sarà rinviata al momento dell'ordinazione diaconale, cioè all'inizio dell'ultimo anno come indica la disciplina della Chiesa universale e della Conferenza Episcopale italiana e come già avviene nella maggior parte dei Seminari italiani. "Vorrei evidenziare - ha concluso l'Arcivescovo - che la motivazione principale che orienta ogni scelta che si riferisce al Seminario è e rimarrà il favorire, l'accompagnare e l'istruire alcuni giovani della Diocesi al discernimento e alla docilità allo Spirito". Durante la celebrazione, sono stati benedetti gli oli santi del Crisma, fra questi anche un olio proveniente dal "Giardino della Memoria di Capaci", a Palermo, dove nella zona in cui 31 anni fa vennero uccisi il giudice Falcone, la moglie e tre agenti della scorta è stato piantato un uliveto. "Da quegli ulivi - ha spiegato Delpini - si ricava dell'olio che quest'anno è stato consegnato dai Questori a tutte le Diocesi d'Italia. È un segno di quell'olio di letizia che attesta che il bene vince sul male, che dalla terra bagnata dal sangue e dallo strazio di uomini al servizio del bene comune sorge un principio di speranza". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'Europa che voglio: difesa comune e sicurezza, cosa farei da europarlamentare

Iran, alle cerimonie funebri di Raisi rappresentanti da tutto il mondo: Khamenei incontra Haniyeh

Le notizie del giorno | 22 maggio - Pomeridiane