EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Scoprite l'ambientazione degli sport estremi che fanno battere il cuore in Qatar

Scoprite l'ambientazione degli sport estremi che fanno battere il cuore in Qatar
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tra vento e dune, mare e terra, scoprite con noi le sensazioni forti degli sport estremi del Qatar. Rally, kitesurf, corsa a piedi e in bicicletta in qualsiasi condizione climatica

PUBBLICITÀ

Dalle corse di auto da rally al ciclismo tra le dune di sabbia e al trekking nel deserto, il Qatar ha molto da offrire agli amanti del brivido che vogliono superare i limiti della resistenza umana, sfidare la mente contro le forze della natura o semplicemente sperare di assistere a qualche impresa sportiva estrema da cardiopalma.

Il Qatar International Rally è la seconda tappa del FIA Middle East Rally Championship 2023, suddiviso in sei parti.

Quest'anno, gli organizzatori locali hanno apportato lievi modifiche al circuito e reso il percorso più compatto per migliorare quello che, a detta loro, è già uno dei rally più importanti della regione.

"Il terreno è per lo più [...] un misto di ghiaia, sabbia, sezioni rocciose e pietre. Non si sa mai cosa ci si può aspettare in Qatar", ha spiegato Stanley Da Silva, capo commissario tecnico della Qatar Motor & Motorcycle Federation.

L'estenuante evento di tre giorni mette a dura prova i piloti, i meccanici e le auto da corsa. Per questo motivo la Federazione Internazionale dell'Automobile (FIA), l'ente che governa gli sport motoristici mondiali, garantisce che tutti gli eventi di gara si svolgano in modo sicuro e responsabile.

"Noi ci occupiamo delle verifiche tecniche e dobbiamo controllare e assicurarci che tutte le auto passino i controlli di sicurezza richiesti e [solo] allora vengono approvate per le gare", ha aggiunto Da Silva.

Euronews
Raivis Kucers, team meccanici Sports Racing TechnologiesEuronews

"L'auto può tornare bella e lucida o in pezzi. È con questo che bisogna fare i conti", ha detto Raivis Kucers, meccanico del team Sports Racing Technologies (SRT), un team di autosport professionisti che quest'anno ha conquistato due podi in Qatar.

Il suo compito è quello di controllare le auto prima che arrivino ai commissari tecnici. Il resto del suo team apporta gli ultimi ritocchi: appone gli adesivi, pulisce le vetture ed esegue gli importantissimi controlli di sicurezza finali prima della gara.

"Il loro compito principale è quello di verificare che gli indicatori di sicurezza siano corretti e in buone condizioni, che i sedili siano sicuri e in buone condizioni e che le cinture di sicurezza, i serbatoi di carburante, gli estintori, le auto siano sicure per iniziare il rally", ha spiegato il delegato FIA, Karmo Uusmaa.

QMMF
Un'auto da rally derapa in curva al Qatar International RallyQMMF

"Il rally non è come guidare sulle normali strade pubbliche a 60 km/h. A volte si va completamente a tavoletta in zone in cui può succedere di tutto. Ci può essere qualcosa che può portare a un incidente. E l'obiettivo, l'idea è che ogni volta che succede qualcosa, il pilota e il copilota all'interno dell'auto se la cavino senza ferite", ha aggiunto.

Il rally risale agli anni '70, ma il team manager di SRT, Arturs Priednieks, afferma di aver visto crescere l'interesse nel corso degli anni.

"Il primo anno abbiamo fornito tre auto. L'anno scorso quattro e quest'anno sei. Quindi, stiamo crescendo nella regione e credo che la Qatar Motorsports Federation stia facendo un ottimo lavoro per promuovere il rally e gli sport nella regione. Quindi, di sicuro sta crescendo", ha detto.

"Le tappe del Qatar sono piuttosto impegnative. Sono molto accidentate, quindi dobbiamo preparare le auto in modo speciale. Sono veloci e in alcuni punti sono insidiose. È un rally interessante, ma i piloti devono stare molto attenti e anche le auto devono essere preparate bene", ha aggiunto Priednieks.

E quando la polvere si è finalmente posata, il pilota che si è aggiudicato il suo 17° Qatar Rally, e il quarto consecutivo, è stato nientemeno che il pilota del Qatar, Nasser Al Attiyah.

Uno spot incredibile per il kitesurf

Le splendide acque che circondano il Qatar offrono le condizioni ideali per il kitesurf: uno sport ad alto numero di ottani che vede i concorrenti saltare, volteggiare e ruotare in aria alla velocità del vento sul mare.

Come le corse di auto da rally, anche il kitesurf ha visto un recente boom di popolarità nella regione.

"Lo Stato del Qatar è un luogo straordinario per il kitesurf", ha rivelato Rashid Almansoori, atleta e allenatore di kitesurf e amministratore delegato del negozio di kitesurf Saltykites.

PUBBLICITÀ

"È una penisola, quindi abbiamo l'acqua che circonda il paese, tutto intorno. Abbiamo diverse varietà di spot: abbiamo l'acqua piatta per i principianti, abbiamo le onde per i waverider, abbiamo grandi lagune. È un ottimo spot per imparare il kitesurf e anche sicuro.

"Il kitesurf, sì, è uno sport estremo. Ma può essere anche solo un'attività di crociera. Posso paragonarlo alla guida. Si può guidare in modo sicuro, senza fare niente, senza derapare. Ma si può anche impazzire. Il kitesurf è la stessa cosa.

euronews
Rashid Almansoori, CEO, Saltykites, atleta e allenatore di kitesurfeuronews

"È una cosa incredibile: puoi goderti la natura sfruttando la forza del vento, sull'acqua, saltando in alto e facendo dei trick. Il kitesurf è uno sport incredibile che ti permette di vivere con la natura".

Rashid ha rappresentato il Qatar nel GKA Kite World Tour 2023 che ha preso il via a Fuwairit Kite Beach. Ha dichiarato a Euronews che l'esperienza di competere tra tanti atleti di livello mondiale lo ha ispirato a puntare al massimo.

Euronews
Rashid Almansoori, CEO, Saltykites, Kitesurfing atleta e Coach parla con EuronewsEuronews

È stato davvero un piacere partecipare [per] il mio Paese ed essere l'unico qatariota a partecipare a questa competizione". Il GKA World Tour è un campionato mondiale a cui partecipano tutti i campioni del mondo. È stata una grande esperienza. Ho imparato molto dai campioni del mondo e vorrei un giorno raggiungere il loro livello ed essere uno dei primi kitesurfer al mondo", ha detto.

PUBBLICITÀ

La sfida nel deserto di Al Adaid

Negli ultimi anni, le gare di resistenza sono cresciute di popolarità in tutto il mondo. In Qatar, gli organizzatori hanno portato queste sfide a un livello superiore.

Il deserto Sealine del Qatar è il punto di partenza dell'Al Adaid Desert Challenge, l'evento più impegnativo del calendario ciclistico off-road del Qatar.

Organizzata da Qatar Cyclists, la gara prevede un percorso di 40 chilometri nel deserto, attraverso otto dune di sabbia, un terreno misto di sabbia e ghiaia e qualsiasi tipo di condizione atmosferica offerta da Madre Natura.

Euronews
Ciclisti all'Al Adaid Desert Challenge, l'evento più duro del calendario ciclistico off-road del QatarEuronews

I partecipanti possono percorrere il tragitto in bicicletta, correre o fare entrambe le cose. Devono farlo con la pioggia o con il sole e cercare di vincere la battaglia mentale dentro di sé. La vittoria è dolce, così come la sensazione di aver compiuto una grande impresa.

PUBBLICITÀ

"La prima duna non è stata male, la seconda ho dovuto fermarmi e svuotare le scarpe perché si erano riempite subito, e ho deciso di iniziare in modo molto semplice, la corsa, e poi, tipo, camminare su per le dune", ha detto la partecipante, Vicki Allan.

"Quando sono arrivata alla terza, ho pensato: "Mi sento bene", quindi ho continuato a correre e, non so perché, mi è piaciuto molto".

E sentirselo dire è una vittoria per gli organizzatori dell'Al Adaid Desert Challenge, che non solo sperano di ampliare l'elenco dei partecipanti alla prima edizione, ma anche di farli tornare per altre gare.

"Lo Stato del Qatar si distingue in tutti gli sport come il ciclismo, il nuoto, il calcio o qualsiasi altro sport. Stiamo facendo questa gara come una sfida per molte persone di tutte le nazionalità", ha detto l'allenatore e atleta dei Qatar Cyclists, Hamad Al Jaaidi.

"È una grande emozione per noi organizzatori vedere persone da tutto il mondo partecipare a questa gara e conoscere il territorio del Qatar o scoprire il Qatar in bicicletta", ha concluso.

PUBBLICITÀ

Che sia su due ruote o a piedi, l'Al Adaid Desert Challenge sta prendendo piede ed è più vicina che mai a diventare una gara internazionale di alto livello.

Condividi questo articolo