EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Accordi Serbia - Kosovo, parla il presidente serbo Aleksandar Vucic

Accordi Serbia - Kosovo, parla il presidente serbo Aleksandar Vucic
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Sergio CantoneEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Alla vigilia dell'incontro per la riapertura del dialogo con Kosov, il presidente Vucic pone l'accento sul miracolo economico della Serbia. Ma, il merito, è del prezzo moderato del gas che arriva dalla Russia.

La Serbia e il Kosovo si incontreranno nuovamente il prossimo fine settimana per discutere gli ultimi dettagli di un possibile accordo mediato dall'Unione Europea. Il giornalista di Euronews Sergio Cantone ha incontrato il Presidente della Serbia, Aleksandar Vučić.

Presidente, grazie per essere con noi. Lei sta per aprire un nuovo ciclo di colloqui con la sua controparte kosovara. Qual è la sua linea rossa?

Non parlo spesso di linee rosse, perché se si parla troppo di linee rosse, non ci possono essere veri negoziati e la controparte finisce con l'insistere solo su queste linee rosse. È più importante discutere la questione in modo corretto, per cercare di trovare soluzioni di compromesso.

Uno di questi accordi precedenti è l'Associazione delle municipalità serbe in Kosovo...

Sì, esattamente.

Questo è quello che chiedete. Ma a quanto pare il governo kosovaro non è pronto per questo. C'è una divergenza di punti di vista sul modo o sul metodo?

Il fatto è che l'abbiamo firmato nel 2013 e nel 2015. Si tratta del piano di attuazione, dei principi, dei gruppi di gestione e, naturalmente, del primo accordo. Abbiamo già firmato tutto e anche i rappresentanti dell'Unione europea devono rispettarlo. Ma non è questo l'obiettivo finale.L'obiettivo finale è  quello di portare albanesi e serbi del Kosovo, ma anche albanesi e serbi dell'intera regione, a vivere insieme, a vivere meglio e a rispettarsi reciprocamente.

Il problema per i kosovari è che hanno paura - questo è quello che dicono, ovviamente - di creare le condizioni per un nuovo tipo di Repubblica Srpska in Kosovo. La Republika Srpska, ricordo agli spettatori, è la repubblica serba in Bosnia.

Non è vero. È una repubblica serba, non è Serbia. Comunque, lei ha ragione, perché sentiamo quotidianamente questo tipo di banalità. C'era qualcosa di scritto. Ed è stato firmato. E deve essere rispettato. Altrimenti, il diritto pubblico internazionale non esiste.

A quanto pare, l'attuale governo kosovaro vorrebbe avere più sovranità sul proprio territorio...su  quello che considera il proprio territorio... che è stato riconosciuto da molti Paesi.

Da molti Paesi. Ma non da un diritto pubblico internazionale. Ma ora insisto sulla riconciliazione, una vera riconciliazione: non cercare sempre di umiliare l'altra parte, ma trovare una soluzione di compromesso per entrambi.

La riconciliazione passa attraverso, forse non un riconoscimento reciproco, ma una serie di concessioni reciproche?

Sì. E la riconciliazione richiede anche molte concessioni da parte serba. Cioè: molti accordi sui dazi  doganali, sulla proprietà intellettuale, sul riconoscimento dei diplomi , sui documenti, sulle questioni professionali, e molto altro.

Il problema è soprattutto capire dov'è il punto che riguarda l'autonomia di una comunità serba che vive in Kosovo: l'istruzione...

...E poi il sistema sanitario, la pianificazione del territorio, la pianificazione rurale e urbana, sviluppo economico: tutto ciò che è stato delineato e inserito nei principi già concordati.

Sarebbe in grado di stabilire una chiara linea di separazione tra il concetto di autonomia e quello di autodeterminazione?

Perché è stato approvato o accettato il diritto all'autodeterminazione per alcuni... e per alcune nazioni,  e per altri no? Resteremo fermi su questo punto. Questo ,la Serbia,  è il paese che  ha attratto il 62% degli investimenti diretti esteri complessivi negli ultimi tre anni , sul totale dei Balcani,.

Signor Presidente, ma questa sorta di miracolo economico della Serbia si basa anche, diciamo, su un prezzo moderato del gas che arriva dalla Russia. E l'Unione Europea chiede alla Serbia di aderire alle sanzioni:

Parlando del prezzo del gas, credo che abbiamo un buon prezzo e un'economia in crescita. L'anno scorso... negli ultimi tre anni, siamo stati una delle cinque economie in più rapida crescita in tutta Europa.

Perché, come lei ha detto, il prezzo dell'energia è più basso che in altri Paesi. Questo potrebbe essere un problema per voi, se doveste far fronte alle sanzioni dell'Unione Europea contro la Russia.

Ma non è l'unico problema. Stavo leggendo e ascoltando migliaia di false accuse contro la Serbia di rovinare la pace e la stabilità regionale . "La Serbia attaccherà la Bosnia, la Serbia attaccherà Pristina, la Serbia attaccherà questo e quello". È successo? No, non è successo. Ci sono state alcune tensioni nel Kosovo settentrionale e ribadisco : abbiamo avuto un rapporto molto professionale e molto buono e responsabile e serio con la NATO, e continueremo a farlo. E ne sono molto soddisfatto.

Il Presidente Putin ha intrecciato la questione del Kosovo con altre questioni, prima in Crimea e poi anche nel Donbass.

È una domanda per me o per alcuni leader occidentali? Perché ci sono precedenti. Ma la nostra reazione è stata diversa, tanto per farvi capire, abbiamo detto: "Noi sosteniamo la Carta delle Nazioni Unite, ed è per questo che la Crimea e tutte le altre parti dell'Ucraina appartengono all'Ucraina". Questa è stata la nostra risposta. 

Sarebbe disposto a fare qualche concessione alla controparte kosovara per quanto riguarda l'adesione al Consiglio d'Europa?

Hanno già avviato la procedura di adesione al Consiglio d'Europa senza chiedere alla Serbia, e non hanno bisogno della Serbia per questo. Ma c'è un regolamento e un piano proposto da tedeschi e francesi sulle organizzazioni internazionali, e hanno ricevuto la mia risposta. L'ho detto di persona a Macron e Scholz.

L'ONU? Sulle Nazioni Unite è presto per dirlo, perché Cina e Russia hanno voce in capitolo.

Non si tratta di Cina o Russia. Credo che la questione riguardi la Serbia più che la Cina e la Russia. Ne ho discusso con Macron e Scholz.

E la risposta?

Abbiamo parlato di linee rosse all'inizio della nostra intervista...

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Serbia, l'opposizione protesta durante la prima sessione del Parlamento: "Elezioni rubate"

Proteste in Serbia, sabato nuova manifestazione contro Vučić a Belgrado

In Serbia via libera alla circolazione delle auto con targa del Kosovo: ma non è riconoscimento